Ocse: la scuola italiana è povera e vecchia

Non fanno sorridere i dati pubblicati dall’Ocse attraverso lo studio “Education at a glance”. Professori sempre più anziani, scarsi fondi, stipendi bassi, una situazione davvero complessa. Uno dei maggiori problemi segnalati risiede nel fatto che n Italia i ragazzi che nascono in famiglie disagiate hanno meno possibilità di percorrere un lungo sentiero di studi.

Non fanno sorridere i dati pubblicati dall’Ocse attraverso lo studio “Education at a glance”. Professori sempre più anziani, scarsi fondi, stipendi bassi, una situazione davvero complessa. Uno dei maggiori problemi segnalati risiede nel fatto che n Italia i ragazzi che nascono in famiglie disagiate hanno meno possibilità di percorrere un lungo sentiero di studi. Al 44% di giovani tra i 25 e i 34 anni i cui genitori non hanno completato l’istruzione secondaria superiore spetta la stessa sorte.

Inoltre, il 23% dei giovani tra i 15 e i 29 anni (contro il 16% della media Ocse) nel 2010 non studiava, ma neppure aveva un lavoro. Altro punto che ci contraddistingue negativamente è che il Bel Paese primeggia tra quelli non anglosassoni per le tasse universitarie.

Professori. Gli under 30 sono un vero e proprio miraggio nel sistema educativo italiano, basti pensare che il 70% dei docenti di scuola secondaria ha oltre 40 anni. Gli “under 30” sono meno dello 0,5%. Nella scuola secondaria la quota di over 60 tocca il 10%.

Stipendi. In dollari, la media del massimo stipendio di un docente italiano è di 39.762 euro contro una media Ocse stimata a 45mila.

Laureati. I laureati in Italia rappresentano il 15% in rapporto alla popolazione. Negli altri paesi Ocse la percentuale arriva a 31%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Egyptair, è si al velo per le hostess

Next Article

I cellulari aumentano il rischio di tumore

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.