Erasmus in stallo, alcuni atenei fermano le partenze. Gli studenti: “Lasciateci decidere in autonomia”

Erasmus + Indire lancia “The + of Erasmus”, un pacchetto rivolto agli studenti internazionali in partenza e in arrivo in Italia

Erasmus + Indire lancia “The + of Erasmus”, un pacchetto rivolto agli studenti internazionali in partenza e in arrivo in Italia

A lanciare questo appello al ministero dell’Università e a quello degli Esteri sono gli studenti dellateneo di Genova pronti, nonostante la pandemia, a viaggiare con il progetto di mobilità internazionale “Erasmus”. A bloccare i circa 300 giovani è l’università che a novembre aveva precisato: “Considerato l’evolversi della situazione sanitaria a livello europeo e mondiale e la raccomandazione della Farnesina di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie, al momento è sospesa la mobilità internazionale degli studenti, dei docenti e del personale tecnico-amministrativo, sia in uscita sia in entrata, fino a nuove disposizioni”. Una scelta fatta anche dalle Università di Salerno. Mentre l’ateneo di Trieste ha messo in guardia gli studenti: “Pur continuando a fornirvi supporto ed assistenza, l’università non ha gli strumenti per aiutarvi a risolvere tutti i problemi cui potreste andare incontro. Solo voi siete in grado di valutare la vostra motivazione, rimodulare le vostre aspettative e ponderare le vostre scelte in termini di costi e benefici”.

Sull’Erasmus, la scelta spetta ai rettori in piena autonomia. In tanti, infatti, hanno scelto di far partire i propri studenti: Torino; Milano Bicocca; Bergamo; Pavia; Iuav di Venezia; Ca’ Foscari; Padova; Siena; Firenze; Bologna: Roma Sapienza; Roma Tre; Napoli Orientale; Cagliari e Sassari. Secondo i dati della Commissione europea sugli studenti Erasmus in mobilità a marzo 2020, al momento dell’emergenza sanitaria c’erano 165mila ragazzi europei nei Paesi che aderiscono alla mobilità internazionale. Di loro, il 40% ha proseguito la permanenza nello Stato ospitante. Anche i ragazzi italiani non si sono fermati. A confermarlo sono i dati nazionali (fonte Agenzia Erasmus+ Indire): gli studenti in eramsus a marzo 2020 erano circa 13 mila e circa la metà, nonostante il Coronavirus, ha scelto di non tornare a casa. Tra l’altro l’andamento delle domande di candidature per Erasmus 2020, presentate alla scadenza di febbraio 2020, presentava un più 3%. Per il 2021, però, le partenze diminuiranno.

L’Indire, l’istituto nazionale per la ricerca e l’innovazione della ricerca educativa, che si occupa di ricevere le domande degli atenei, in una nota scrive: “Non sappiamo ancora quanti effettivamente partiranno. Saranno sicuramente meno dello scorso anno. Tutto dipende dalle scelte delle singole Università. E’ chiaro che se i vaccini miglioreranno la situazione della curva epidemiologica, i primi che riprenderanno a viaggiare saranno proprio i giovani”. Intanto l’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, insieme alla fondazione “garagErasmus”, ha lanciato il progetto “The + of Erasmus”, un pacchetto di servizi virtuali rivolto a tutti gli studenti internazionali in partenza e in arrivo in Italia nell’anno accademico 2020/21. “In questo modo – spiegano all’Indire – intendiamo trasformare un periodo di difficoltà in un’opportunità per migliorare l’esperienza del programma Erasmus, rendendolo più digitale, inclusivo e sostenibile dal punto di vista ambientale”.

Leggi anche:

https://corriereuniv.it/2021/01/indire-concorsi-bandi-pubblici-aperti/
https://corriereuniv.it/2020/12/scattaerasmus-concorso-digitale-dellagenzia-indire/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tar sospende la dad in Lombardia, una preside: “Non apro la scuola domani per chiudere dopodomani”

Next Article

Politecnico di Milano: concorsi per Diplomati

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"