Dallo sbarco a Lampedusa alla laurea a Torino: la storia di Ahmed

Sbarcato a Lampedusa nel 2011 senza documenti, oggi si è laureato a Torino con una tesi sui diritti umani in Darfur, area dalla quale proviene e dove è stato incarcerato e privato della nazionalità, dopo l’uccisione del padre e di sei fratelli. I suoi primi giorni nel capoluogo piemontese li ha passati dormendo nella stazione di Porta Nuova. Oggi vive al Collegio universitario e punta al dottorato. Ha lo status di profugo e un figlio, che ha chiamato Nelson Mandela.
Il protagonista di questa storia è Ahmed Musa, 32 anni, nato a Entkena in Sudan. Una seconda laurea per il giovane sudanese che aveva già conseguito il titolo in economia nel 2007 proprio nel suo paese. Sfuggito al carcere perché, considerato morto, è stato abbandonato in un campo dove lo hanno trovato e soccorso dei contadini. Da allora all’arrivo in Italia passano cinque anni, tre dei quali trascorsi in Libia.
“In Sudan prima della guerra io vedevo il mio futuro. Poi tutto è cambiato. Ora sono riuscito a ricostruire una mia visione di ciò che farò, non è così scontato purtroppo”. Nella tesi, incentrata su uno dei più aspri conflitti nel mondo, sono raccolte molte interviste a giovani sudanesi che hanno raccontato la propria esperienza da ogni parte del mondo dove ora risiedono. “Con lo studio – dice Musa – puoi cambiare la vita tua e quella degli altri. Ecco perché ho voluto laurearmi. E’ stato difficile ma in Italia mi trovo benissimo, mi sento parte attivo della società e ora sono una persona normale”. Ed ora andrà all’estero? “Dipende cosa si intende con partire per l’estero. Se si intende lasciare l’Italia no, io non sono italiano ma parlo e vivo come i miei colleghi e questo mi piace. Ad esempio il mese scorso sono andato qualche tempo in Norvegia e li porto sempre caffè e pasta che li non si trovano!”.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Provenzano, ministro per il Sud punta sui giovani: "Dare opportunità di ritornare"

Next Article

Miur, Fioramonti si insedia e saluta personale: “Da questo Ministero possiamo cambiare l’Italia occupandoci di scuola, università e ricerca”

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale