Cus Teramo rimborsa gli studenti per gli abbonamenti alle palestre

Su proposta del Magnifico Rettore, che ha accolto le istanze presentate da Leonardo Lattanzi e Lorenzo Di Ferdinando, rappresentanti degli studenti in seno al Comitato per lo sport universitario, il Cus Teramo ha deliberato di procedere alla erogazione di un contributo sulle spese per le attività sportive svolte dagli studenti in forma privata nelle palestre del territorio di Teramo. Si tratta di un intervento che vuole costituire una forma di sostegno alla comunità studentesca, in considerazione dei gravi disagi conseguenti all’emergenza sanitaria in atto.

Tale rimborso, seguendo una procedura già adottata in passato, precedentemente al commissariamento, sarà non superiore a 100 €/anno, e comunque sarà proporzionale al periodo di abbonamento sottoscritto da ogni studente, a partire dal mese di ottobre 2019.

Le richieste degli studenti iscritti all’Università di Teramo dovranno essere inoltrate all’indirizzo mail [email protected], entro il 20 maggio. Per ottenere il contributo gli studenti dovranno procedere all’iscrizione al Cus Teramo versando la quota di euro 10 comprensiva dell’assicurazione.

«L’emergenza conseguente alla pandemia Sars-Covid19 – ha dichiarato il commissario del Cus Pompeo Leone – ha portato alla sospensione di tutte le attività che erano state programmate e approvate dal Comitato per lo sport: prima della sospensione, avvenuta il 9 marzo 2020, il Cus Teramo aveva avviato attività di tennis e pallavolo, oltre alla preparazione degli atleti che avrebbero potuto partecipare ai Campionati Nazionali Universitari di Torino. Considerata la gravità della situazione creatasi, tutti i campionati organizzati dal CUSI sono stati annullati ed è oggi difficile prevedere una data di effettiva ripresa delle attività sportive organizzate di gruppo. Quando questo sarà possibile, il Cus Teramo organizzerà tornei nelle discipline più richieste dagli studenti, come calcio, volley, tennis e beach volley».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Universitari contro i laboratori chiusi: "Il calcio non può fermarsi, la formazione si?"

Next Article

ERSU siciliani: Bonus studenti universitari fuori sede, come fare domanda? Tutti i passaggi

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.