La Gelmini inaugura il Campus Bio-Medico

gelminicampus.jpgLa cerimonia di apertura dell’anno accademico dell’ateneo privato romano con sede a Trigoria ha avuto come ospite di spicco il ministro dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini. Un terreno a lei congeniale il Campus, lontano dalle proteste di piazza che stanno montando nelle università pubbliche in questi giorni; una platea davanti alla quale il ministro ha espresso le linee-guida della sua Riforma: «Gli studenti vanno rimessi al centro della nostra missione, tornando a fare dell’università uno strumento straordinario di mobilità sociale e concentrando i nostri sforzi sulla qualità dell’offerta, che non significa moltiplicazione dell’offerta. È il mio primo obiettivo e lo dedico in primo luogo a quegli studenti che in questi giorni hanno protestato e protestano».
Riferendosi al corpo docente la Gelmini ha osservato che si ha davanti «un’opportunità storica, determinata dall’esigenza di una razionalizzazione della spesa e dalle dinamiche demografiche». E nel rinnovare il proprio impegno «per un’università più libera, più moderna, più forte», il ministro ha ribadito la necessità di «ridare agli accademici, e soprattutto ai giovani che stanno decidendo ora di dedicarsi a questa missione affascinante, gli stimoli e le prospettive per farlo con entusiasmo, con orgoglio e con fiducia nel futuro».
La Gelmini ha quindi aggiunto che «lo squilibrio tra autonomia e responsabilità» è «alla radice di molti dei problemi che si sono aggravati negli anni recenti», proponendo «una dialettica virtuosa tra il Ministero e gli Atenei, fondata però su una netta divisione di compiti: il ministero deve disegnare strategie, accreditare, valutare e soprattutto garantire la qualità del sistema universitario e l’omogeneità degli standard; gli atenei devono essere istituzioni autonome che assicurano alla comunità nazionale e internazionale, in riferimento a standard qualitativi ed economici concordati, il cruciale servizio che essi soli possono offrire».
Il presidente del Campus Bio-Medico – professor Paolo Arullani – ha rivolto al ministro un forte appello sui temi della ricerca: «Se c’è oggi un pensiero comune nel nostro Paese, è che si debba investire di più nella ricerca e nell’innovazione. Per questo sono fiducioso che possa comprendere il mio appello al governo e al suo dicastero, affinché si trovi la strada per un rinnovato impegno del nostro Paese a favore della ricerca». Dal canto suo il rettore del Campus – professor Vincenzo Lorenzelli – ha posto l’accento sulla vocazione del Campus Bio-Medico come «Università tematica, dedicata alle Scienze della vita».
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tre mesi da web designer

Next Article

Opportunità varie da Andrea Paoletti & Associati

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale