Aspiranti startupper, al via a Torino la European Innovation Academy

Start-up Business Team Working in Office

Per venti giorni gli spazi del Lingotto del Politecnico di Torino si trasformeranno in un laboratorio creativo dove si confronteranno giovani di talento di tutto il mondo: è la European Innovation Academy – EIA 2016, ospitata dal Politecnico dall’ 11 al 29 luglio nella sua prima edizione italiana. Grazie a un accordo siglato tra il Politecnico ed EIA e grazie al coinvolgimento di tutto il sistema territoriale cittadino e regionale, dal 2016 Torino sarà la sede di questo StartUp (Extreme) Accelerator di prestigio internazionale per cinque anni.

Ingegneri, studenti di marketing ed economia proveranno a trasformare un’idea in un’impresa innovativa in tre settimane, con il supporto dei maggiori esperti delle più importanti aziende tecnologiche internazionali e sotto la stretta osservazione di rappresentanti di Venture capital e Fondi di investimento.

I partecipanti, suddivisi in piccoli gruppi multidisciplinari, dovranno sviluppare un business partendo da un’ idea iniziale. Nella prima settimana i giovani individueranno l’ idea e i prodotti, nella seconda sarà creato il prodotto di base e nella terza sarà effettuato il test di mercato per verificarne l’appetibilità per i consumatori. Gli studenti saranno quotidianamente monitorati e supportati dagli esperti di settore. Le migliori idee sviluppate durante l’ evento saranno finanziate e sostenute nell’ ingresso sul mercato.

Gli studenti di EIA incontreranno mentor e investitori provenienti dalla Silicon Valley e dal territorio regionale e nazionale: nomi di primo piano del mondo universitario e imprenditoriale che metteranno a disposizione la loro esperienza come strumento e leva per la promozione dell’ imprenditorialità a base tecnologica. Fra i mentor coinvolti ci sono Rune Bentien (Business Development Manager Google), John Elkann (presidente di FCA), Flavio Manzoni (Chief Design Officer di Ferrari) e Carlo Ratti (architetto docente presso il MIT).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test di medicina, nuova apertura del Miur sui posti a numero chiuso

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 13 luglio

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.