Agenti in bicletta

Dalla volante alla bicicletta. E’ questa la svolta degli agenti partenopei che da oggi pedalano per le strade della città al fine di aiutare turisti e cittadini presidiando il territorio.

Dalla volante alla bicicletta. E’ questa la svolta degli agenti partenopei che da oggi pedalano per le strade della città al fine di aiutare turisti e cittadini presidiando il territorio. Il servizio, volontà dell’amministrazione comunale, muove da via San Carlo, piazza Trieste e Trento, via Toledo e dalla prossima settimana si estenderà a piazza Plebiscito, via Cesario Console, via Santa Lucia e Lungomare. Due uomini e due donne gli agenti selezionati che copriranno il turno 8.15 – 22.30.

Il servizio, possibile grazie all’Associazione per l’Accoglienza al Turismo che ha fornito in comodato d’uso le biciclette, sarà svolto esclusivamente dall’Unità operativa di Chiaia così da non gravare e da non sottrarre uomini alle zone periferiche della città per coprire le esigenze del centro” ha evidenziato il comandante Auricchio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ingegneria. Boom di iscritti al Politecnico

Next Article

Profumo pubblica i nomi e la Gelmini risponde

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".