20 borse di studio per giovani toscani residenti all’estero

La Regione Toscana ha approvato un bando per l’assegnazione di 20 borse di studio “Mario Olla” indirizzate a giovani di origine toscana residenti all’estero.

Il bando si intitola, infatti, “Giovani toscani nel mondo”, ed è rivolto a candidati con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.

La domanda di partecipazione può essere inviata entro il 30 Luglio 2021.

Possono candidarsi giovani tra i 18 e i 35 anni:

  • di origine toscana (per nascita o per discendenza) residenti all’estero;
  • siano in grado di dimostrare una conoscenza generale della materia oggetto della borsa di formazione professionale mediante curriculum vitae che dimostri gli studi e le attività professionali svolte;
  • che non svolgano attività lavorativa come dipendenti pubblici;
  • che abbiano una conoscenza della lingua italiana almeno di livello A2/B1 (tramite attestati);
  • che non abbiano già partecipato alle precedenti edizioni del presente bando.

La borsa di formazione professionale “Mario Olla” coprirà le spese relative a:

  • percorsi di formazione (online nel 2021) e il soggiorno (di 60 giorni nel 2021 e di 90 giorni nel 2022)
  • trasferimenti quotidiani
  • spese di assicurazione
  • visite culturali.

Per le spese di viaggio sarà rimborsato il 50% del costo del biglietto di andata e ritorno finalizzato alla borsa di formazione professionale (i giovani provenienti da Paesi europei dovranno utilizzare tariffe low-cost ove disponibili).

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Talenti Emergenti Fumetto : premio in denaro ed una formazione a Parigi per i vincitori

Next Article

Studiare Comunicazione "offre opportunità di impiego nel campo della comunicazione in senso lato"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.