Usa, in Missouri a scuola tornano le punizioni corporali

Nella cittadina di Cassville gli insegnanti potranno colpire i ragazzi indisciplinati. Sono ancora 19 gli stati americani in cui la pratica è consentita.
Teacher using digital tablet as learning tool in Japanese Junior High School

Le sculacciate tornano di moda per il prossimo anno scolastico nelle aule di una piccola città del Missouri sudoccidentale, dove il distretto permetterà le punizioni corporali per qualsiasi studente indisciplinato, quando i genitori daranno la loro approvazione. Nella cittadina di Cassville, questa settimana gli amministratori hanno informato le famiglie della nuova politica in una riunione aperta e hanno distribuito moduli di consenso da firmare, secondo un genitore che ha partecipato alla riunione. Le punizioni corporali erano un mezzo ampiamente accettato per mantenere la disciplina nelle scuole statunitensi durante il Diciannovesimo e l’inizio del Ventesimo secolo, ma la pratica è caduta in disuso negli ultimi decenni.

Punizioni corporali ammesse in 19 stati Usa

Nel 1977 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che le punizioni corporali nelle scuole sono costituzionali, dando agli Stati il diritto di decidere autonomamente. Da allora, molti Stati hanno vietato questa pratica.Secondo l’Accademia americana di psichiatria infantile e dell’adolescenza, 19 Stati americani la consentono ancora, la maggior parte dei quali nel Sud. Richard Wexler, direttore esecutivo della National Coalition for Child Protection Reform, si è detto sorpreso dalla decisione di Cassville. “La tendenza in America è stata opposta: le scuole stanno abbandonando del tutto il programma”, ha detto. “Questa è la prima volta che sento parlare di qualcuno che lo adotta”.

Pratica da usare in “casi estremi”

Il distretto scolastico di Cassville, che serve 1.900 studenti, ha adottato formalmente la politica a giugno, secondo il suo sito web. Il documento dice che le punizioni corporali saranno prese in considerazione “solo quando tutti gli altri mezzi alternativi di disciplina avranno fallito”. Dovranno comunque essere somministrate senza “possibilità di lesioni o danni fisici”. Il sito web non specifica la forma preferita delle punizioni corporali, ma dice solo che “non è consentito colpire uno studente sulla testa o sul viso”.

Secondo Wexler, “è una pratica assolutamente terribile. Non è necessario che un insegnante o un amministratore colpisca o aggredisca fisicamente un bambino”, ha detto. “Non punisce, ma traumatizza”. Le agenzie non sono riuscite a parlare con Merlyn Johnson, sovrintendente del distretto scolastico di Cassville. I membri del consiglio scolastico hanno rifiutato di commentare o non sono risultati raggiungibili. Molti abitanti del distretto, in ogni caso, non sembrano spaventati dall’opzione sculacciata a scuola: “Non credo che sarà un problema”.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, 220 milioni per riportare in Italia 700 giovani cervelli in fuga

Next Article

Lavoro, posizioni aperte: le aziende che assumono in smart working

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.