Zainetti ad energia solare: l'idea di Salima per illuminare il futuro dei bambini kenioti

L’istruzione è il motore, anzi, la luce che illumina il futuro: così Salima Visram, studentessa universitaria canadese, ma nata e cresciuta a Mombasa, in Kenya, ha deciso di regalare una possibilità di crescita ai migliaia di bambini e di bambine africane che ogni giorno si recano a scuola nel tentativo di costruirsi nuove prospettive.
L’idea è semplice e per questo geniale: sfruttare il cocente sole africano e le grandi distanze di questo continente per garantire tempo effettivo di studio ai meno fortunati. Come? Facile: basta installare un piccolo pannello solare sugli zainetti, portati sulle spalle dagli studenti africani anche per 4 ore, tra andata e ritorno, a causa delle enormi distanze costretti a percorre a piedi, collegarlo a una batteria e ad una lampadina al led. Quest’ultima, ricaricata giorno per giorno, fornirà poi luce per sette ore dopo il tramonto, tempo necessario per completare gli studi e i compiti anche a casa.
Per raccogliere i fondi, Salima ha utilizzato una piattaforma di crowd funding: in appena un mese è riuscita a mettere insieme i 38 mila dollari necessari a produrre i primi 2.000 zainetti. Di questi, i primi 500 sono stati distribuiti ai bambini della scuola elementare di Mombasa, la città natale di Salima.
“Se l’iniziativa avrà successo – spiega Salima – nel prossimo anno e mezzo potremmo raggiungere centinaia di scuole della mia contea”. Un iniziativa che prova anche a mostrare ad un intero paese quale possano essere le ricchezze del futuro: oltre l’istruzione, infatti, il progetto di Salima punta forte sull’energia solare, una quasi sconosciuta in Kenya, dove oltre il 92% della popolazione è ancora costretta a dipendere dal kerosene anche semplicemente per illuminare le case di notte.
Qui sotto alcune immagini di Salima Visram che spiega l’utilizzo del Solar Back Pack ai ragazzi della scuola elementare di Mombasa, in Kenya.
620x413_Soular-Backpack143403760100310731-bb60e05edf20882a694633691798ea7f-arc614x376-w614-us1Salima-Visram
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Renzi: "Ho dovuto smettere le visite alle scuole, ma è stato un errore"

Next Article

La rassegna stampa di martedì 10 novembre

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".