WhatsApp a pagamento? Ecco tutte le alternative gratuite

app

Dopo la rivolta ecco le soluzioni. Sembra già affievolirsi la protesta degli iscritti a WhatsApp, l’App di messaggistica istantanea più diffusa per gli smartphone, che ha imposto un canone annuale obbligatorio di 0,79 euro ai suoi clienti Android.

E via con le soluzioni. In primis va sottolineato che i possessori di iPhone, grazie al loro sistema operativo iOS possono pagare l’App solo al momento del download. L’applicazione rimane completamente gratuita per i possessori di BlackBerry e Symbian.

Sul Play Store di Google sono state tante le critiche degli utenti: “E’ il canone RAI, dice qualcuno”. Qualche altro minaccia subito di passare ad un altro servizio.

Detto, fatto. In effetti le alternative gratuite a WhatsApp ci sono: si parte da Kik, una delle App che ricalca maggiormente le funzionalità di WhatsApp, fino a Viber, forse la più interessante tra le alternative, che permette inoltre di effettuare telefonate a costo zero. In ultimo non va dimenticata l’App Line, più scarna nella grafica rispetto alle concorrenti ma che dà la possibilità anche della funzione “Diario”. Insomma, le alternative ci sono.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un'App per trovare qualunque foto sui social

Next Article

Giovani disorientati. Il Suor Orsola punta sull’orientamento

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".