Volontariato in Indonesia con AIESEC per migliorare la qualità dell’educazione.

Dal 13 Gennaio al 26 Febbraio al via il progetto #IWasHere in Jakarta per contribuire allo sviluppo di questo Paese.

I conflitti tra etnie e culture diverse sono uno dei principali problemi che affliggono l’Indonesia e in particolare la città di Jakarta. Questo è uno dei motivi per cui AIESEC ha attivato il progetto di volontariato #IWasHere, con lo scopo, appunto, di educare la popolazione indonesiana alla tolleranza e accettazione della diversità.
Le principali attività:

  • Educare all’importanza della tolleranza per prevenire le mentalità ristrette che portano al conflitto
  • Rompere gli stereotipi in luoghi con un livello di intolleranza elevato
  • Mostrare la tua cultura alla popolazione di Jakarta

Prendendo parte a questo progetto in Indonesia avrai l’opportunità di creare un impatto positivo sulla realtà locale di Jakarta, esplorare la loro cultura e dare un contributo nell’eliminare stereotipi in posti dove l’intolleranza è molto elevata, inoltre contribuirai all’obiettivo sostenibile numero 4 dell’ONU.
Il processo di selezioneconsiste in una chat o in un video nel quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta del progetto. La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi nella quota di partecipazione.
Scadenza candidature: 1 Gennaio 2019
Per candidarsi al progettoo scoprirne di nuovi, visitare il sitoaiesec.org.
Per maggiori informazioni scrivere a [email protected]
AIESECè il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. L’obiettivo principale è quello di sviluppare una leadership consapevole nei giovani tramite esperienze di volontariato e tirocinio all’estero. Dal 2015, inoltre, AIESEC collabora con le Nazioni Unite per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibiledell’agenda 2030: ogni progetto è connesso ad una specifica problematica e permette ai ragazzi di agire, tramite piccole azioni quotidiane, alla risoluzione e sensibilizzazione di questo obiettivo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuova procedura on-line per il riconoscimento della qualifica professionale di docente

Next Article

L’intervento del Ministro Bussetti alla presentazione del volume “La nuova Corte dei Conti: responsabilità, pensioni e controlli

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.