Oggi sciopero bus, metro e treni: disagi per gli studenti

sciopero

 

Sciopero nazionale il 18 ottobre – La mobilitazione, promossa dai sindacati di Base, unisce lavoratori del settore privato e pubblico. A Roma, organizzato un corteo che attraverserà la città da Piazza della Repubblica a San Giovanni

 

Venerdì 18 ottobre è stato indetto uno sciopero generale nazionale. A incrociare le braccia saranno i lavoratori pubblici e privati di diversi settori: dalla scuola alla sanità. Alla mobilitazione partecipano anche le aziende dei trasporti nazionali e locali. A rischi, quindi, autobus, metro, treni e voli, anche se quasi tutte le imprese assicurano il servizio nelle fasce di garanzia.

Lo sciopero, programmato da tempo, è stato organizzato dai sindacati di Base: La Confederazione dei Comitati di Base (Cobas), la Confederazione Unitaria di Base (CUB), e l’Unione Sindacale di Base (USB). Ad essi si sono poi aggiunti numerose altre sigle tra le quali SNATER,  OR.S.A. Scuola Università e Ricerca, Sindacato SIAE, USI e Unicobas per protestare. I lavoratori scenderanno in piazza per contestare la politica di austerity voluta dal governo Letta, ma anche per richiedere aumenti di salari, garanzie sulla pensione, maggiori diritti sociali e riduzioni sull’orario di lavoro.

Il fulcro della mobilitazione sarà a Roma, dove venerdì 18 alle ore 10 un corteo partirà da Piazza della Repubblica per arrivare fino a San Giovanni. Per garantire ai manifestanti la partecipazione al corteo, le metropolitane di Roma cominceranno lo sciopero solo a partire dalle ore 20.

Ma i disagi per chi si dovrà muovere saranno molti. Ecco in dettaglio gli orari di sciopero dei trasporti pubblici nelle città italiane:

A Roma, il servizio di autobus, tram e filobus saranno garantiti fino alle ore 8.30. I trasporti riprenderanno dalle 17 fino al termine del servizio. L’azienda che gestisce i trasporti capitolini, infatti, ha deciso di revocare parte dello sciopero (inizialmente gli autobus si sarebbero fermati alle ore 20) garantendo il servizio a partire dalle otto di sera per tutta la notte.

A Milano, la Atm sciopera dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio., mentre Trenord non garantisce il servizio dalle 21 di giovedì 17 ottobre alle 21 di venerdì 18.

A Torino la metropolitana sarà garantita nelle fasce urbane e suburbane dalle ore 6 alle ore 9e dalle ore 12alle ore 15. Il servizio sulle strade extraurbane è garantito fino alle ore 8e poi dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

A Napoli, i servizi di autobus, tram e filobus saranno fermi dalle 8.30 alle 17.

A Bologna, invece, lo sciopero dei trasporti pubblici, inizierà alle ore 8.30 e terminerà alle 16.30, per poi riprendere di nuovo alle 19.30.

Scenderanno in piazza anche i lavoratori di Trenitalia che hanno indetto il loro sciopero dalle 24 del 17 ottobre fino alle 24 del giorno successivo. Le fasce garantite di Trenitalia vanno dalle 6 alle 9 del mattino e dalle 18 alle 21.

Sciopero anche per Alitalia che blocca le partenze dalla mezzanotte del 17 ottobre alle 24 del 18 ottobre.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pochissimi sbocchi occupazionali e offerta formativa scadente: esodo dal Sud

Next Article

Fine della privacy su Facebook: addio ai profili privati

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.