Università, le lauree abilitanti velocizzano l’accesso al lavoro – Ok alla Camera

 “Con le lauree abilitanti semplifichiamo e velocizziamo l’accesso al mondo del lavoro da parte dei giovani laureati eliminando quel periodo, da sei mesi a un anno, che intercorre tra il conseguimento del titolo accademico conclusivo del corso di studi e la partecipazione alla prima sessione utile per l’esame di Stato”. Così Alessandro Melicchio, deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura, intervenuto nell’Aula di Montecitorio durante la discussione generale del disegno di legge sulle Lauree abilitanti. 

Le lauree, nello specifico, abiliterebbero all’esercizio delle professioni di:
🦷 odontoiatra
👩‍⚕️ farmacista
🐶 veterinario
🧠 psicologo
📐 geometra
🍀 agrotecnico
🌴 perito agrario
🔧 perito industriale


“La capacità formativa dei tirocini svolti in università ai fini dell’abilitazione all’esercizio professionale era già ampiamente riconosciuta – prosegue – e ne abbiamo avuto ulteriore conferma durante l’emergenza sanitaria con l’introduzione della laurea abilitante in Medicina. La determinazione del MoVimento 5 Stelle è stata fondamentale nel raggiungimento di quel risultato e lo è oggi, mentre il Parlamento è al lavoro per l’estensione di quelle misure a molte altre lauree far cui farmacia, veterinaria, odontoiatria, psicologia e altre lauree professionalizzanti e di area tecnica”.


“Questo disegno di legge – sottolinea il deputato – andrà a tutto vantaggio di centinaia di migliaia di studenti e studentesse universitari ma anche delle aziende e dei datori di lavoro, che potranno avere a disposizione, in minor tempo, nuove risorse già formate”. 

“L’Italia si trova in una fase critica della sua storia ma anche densa di opportunità, prima tra tutte quella di ripensare seriamente il sistema Paese partendo dai giovani. Oltre a formarli, dobbiamo fare in modo che dopo il percorso di studi abbiano uno sbocco professionale il più semplice e rapido possibile” conclude Melicchio.

Total
17
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Transizione ecologica e digital skills: l’università deve essere consapevole dei nuovi lavori

Next Article

Affitti ai fuori sede, ecco il vademecum

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.