Università, in Toscana nasceil vademecum sugli affitti

Gli studenti fuorisede che hanno scelto di iscriversi nelle Università della Toscana quest’anno cercheranno casa muniti di apposito opuscolo, un vademecum con le informazioni essenziali: dai tipi di contratto e canoni esistenti, agli standard necessari per valutare la qualità dell’alloggio e soprattutto ai diritti e doveri che riguardano sia il proprietario che il locatario.

Compiere la scelta migliore non solo quando si sceglie la Facoltà, ma anche e specialmente quando si è a caccia di un alloggio. Gli studenti fuorisede che hanno scelto di iscriversi nelle Università della Toscana quest’anno cercheranno casa muniti di apposito opuscolo, un vademecum con le informazioni essenziali: dai tipi di contratto e canoni esistenti, agli standard necessari per valutare la qualità dell’alloggio e soprattutto ai diritti e doveri che riguardano sia il proprietario che il locatario.
A pubblicarlol’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario che ha realizzato questo opuscolo informativo sugli affitti per studenti per permette a questi ultimi di acquisire indicazioni utili a fugare quei dubbi ricorrenti in caso di locazione. Allo stesso tempo il vademecum rappresenta un valido supporto anche per i proprietari di appartamenti che non sempre sono a conoscenza delle possibilità previste dalla legislazione in materia, soprattutto per quanto riguarda le agevolazioni fiscali.
“L’attuale normativa – si legge sul sito dell’Università di Pisa – rende più trasparente il rapporto tra proprietari ed inquilini e prevede particolari tipologie di contratti per gli studenti universitari: con gli accordi territoriali, promossi dai comuni sede di università, sono stati definiti i criteri, gli standard e le agevolazioni che regolano il mercato degli affitti nelle città interessate e nei comuni ad esse limitrofi”.
Soddisfatta dell’iniziativa la Presidente DSU Marta Rapallini: “Con la divulgazione dell’opuscolo “Affitti per studenti” l’Azienda si propone di offrire una guida per orientarsi nella definizione di un regolare contratto di locazione a termini di legge, sia esso a canone concordato o a canone libero permettendo in particolar modo agli studenti di acquisire quegli strumenti che permettano loro di tutelarsi di fronte ad una non corretta applicazione della normativa in un mercato della locazione destinato agli universitari ancora oggi caratterizzato da sacche di evasione e scarsa trasparenza”.
E’ possibile reperire l’opuscolo, gratuito, e ricevere informazioni in materia a Firenze, presso gli uffici di Viale Gramsci 36 (lun, mer, ven 9:00-13:00 – mar, gio 15:00–17:00 – [email protected]) a Pisa, presso gli uffici di Lungarno Pacinotti 32 (da lun a ven 10:00-13:00 – mar, gio 15:00-17:00 – [email protected]) e a Siena presso gli uffici in Via Mascagni 53 (da lun a ven 9:00–13:00 – mar, gio 15:00-17:00 – [email protected]).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al Madre per il pianeta

Next Article

La diversità del mondo: non solo Festival

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".