Università e fase due, dal 4 maggio tornano esami e lauree in presenza

Dal 4 maggio via libera ad esami e sedute di laurea con presenza degli studenti in sede, sempre tenendo conto delle misure di sicurezza e del distanziamento sociale. Lo chiariscono le Faq interpretative del dpcm sulla fase 2 pubblicate oggi sul sito di Palazzo Chigi. Le attività in Università sono possibili a condizione che vi sia un’organizzazione degli spazi da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione.

Per la fase due grosse novità in vista anche per le università. Dal 4 maggio infatti c’è il via libera ad esami e sedute di laurea con presenza degli studenti in sede, sempre tenendo conto delle misure di sicurezza e del distanziamento sociale. È quanto emerge dalle Faq interpretative del dpcm sulla fase 2 pubblicate oggi sul sito di Palazzo Chigi. Da lunedì quindi potremo dire addio a quelle immagini di laureandi seduti davanti a un pc da casa per discutere la propria tesi e diventate ormai quasi consuetudine.

Ok agli esami ma se in sicurezza e con distanziamento
Le sessioni d’esame e le sedute di laurea “potranno essere svolte in presenza a condizione che vi sia un’organizzazione degli spazi e del lavoro tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione e che vengano adottate le misure organizzative di prevenzione e protezione indicate dal Dpcm del 26 aprile 2020″ si legge infatti in una delle note esplicative del Governo dedicata proprio alle Università.

Ancora possibile la modalità a distanza

Solo nel caso in cui non possano essere assicurate queste misure di sicurezza e in tutti gli altri casi in cui non si renda possibile la presenza degli studenti, è concessa alle autorità universitarie la possibilità di ricorrere alle modalità a distanza come quelle già utilizzate finora durante il lockdown. In questo caso “dovranno comunque essere assicurate le misure necessarie a garantire la prescritta pubblicità” sottolineano da Palazzo Chigi.

Riprende anche la ricerca in Ateneo
Restando in campo universitario, anche per quanto riguarda le “attività pratiche nel campo della ricerca e della formazione superiore come tirocini, attività di ricerca e di laboratorio sperimentale e/o didattico ed esercitazioni”,  si potrà ricominciare a lavorare in presenza di addetti e studenti, sempre a patto di rispettare le norme di sicurezza. In caso contrario sarà ancora concesso ricorrere, ove possibile, anche alle modalità a distanza.

fanpage

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La chiusura delle scuole aumenta le disuguaglianze per tutta la vita

Next Article

Come cambierà l'università nella Fase 2

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.