Universiadi, il 3 luglio l'apertura al San Paolo. Bonavitacola: "Sport come valore di fratellanza"

Il countdown è partito, il 3 luglio la torcia olimpica raggiungerà il San Paolo di Napoli per l’avvio delle Universiadi. “Non poteva avere partenza migliore la 30esima edizione estiva dell’Universiade, con la fiaccola che prende avvio il suo cammino da Torino. Napoli e la Campania hanno un grande patrimonio. Abbiamo voluto fare le Universiadi, perché avvertiamo la responsabilità di essere all’altezza di quello che abbiamo ricevuto e volevamo contribuire a migliorarlo. Vogliamo che le Universiadi ricongiungano gli antichi valori che fermavano le guerre, mentre in epoca moderna sono state le guerre a fermare lo sport. Ci tengo a dirlo. Desideriamo tornare ad affermare lo sport come valore di fratellanza, rispetto, conoscenza, civiltà”, afferma Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della Regione Campania.
Non solo sport, ma futuro. “Intendiamo lasciare un patrimonio di impianti sportivi rinnovati all’utilizzo di tutti i cittadini di Napoli e della Campania, in particolare dei più giovani. 128 nazioni, 10 mila ragazzi: sarà una grande festa di scambio umano oltre che sportivo, e Napoli e la Campania saranno una cornice all’altezza. Sono convinto che negli anni a venire ricorderemo le Universiadi 2019 con ammirazione», conclude il numero due di Vincenzo De Luca.
Universiadi come simbolo. E proprio di simboli ha parlato durante la conferenza stampa il commissario straordinario Gianluca Basile: “L’accensione della torcia segna l’inizio delle Universiadi, con un forte valore simbolico per la promozione della pace, amicizia, solidarietà, unità nella diversità per migliaia di atleti universitari, che da ogni angolo del mondo arriveranno a Napoli e in Campania, per una grande festa dello sport, in programma dal 3 al 14 luglio. Abbiamo compiuto e stiamo compiendo sforzi enormi, per organizzare quest’evento ma abbiamo fatto squadra insieme al Cusi, Fisu, Coni, Regione Campania, che ha voluto fortemente e finanziato la manifestazione, e tutti gli enti locali. Abbiamo cercato di coinvolgere le migliori energie, giovani volenterosi e i grandi sportivi. Torino la nostra Atene, dove tutto ha avuto inizio”.
Valori, sport, fratellanza. Ad accompagnare la torcia nel suo viaggio verso la tappa finale di Napoli saranno 68 tedofori, campioni e sportivi di tutto il mondo. Nel mese di giugno la fiaccola attraverserà 11 città, ciascuna legata simbolicamente alla manifestazione, percorrendo più di 2 mila km, con l’obiettivo di promuovere i luoghi simbolo delle Universiadi e del nostro Paese.
Un altro importante tassello del mosaico fatto di giovani e sport che si formerà a Napoli è il presidente della Fisu, l’ente organizzatore delle Universiadi, Oleg Matytsin che ha affermato: “Momento storico per Fisu, Cusi, Torino e Napoli. Una fiamma accesa nel 60esimo anniversario delle Universiadi. Avanti Italia, avanti Napoli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tor Vergata, chiesto rinvio a giudizio per presidente e vincitrice di un corcorso

Next Article

Maturità 2019, tocca alla generazione duemila: gli esaminandi tutti nati nel nuovo Millennio

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"