Un uomo per il ministro Gelmini

pizza.jpgA fare da spalla al nuovo ministro dell’Istruzione sarà l’onorevole Giuseppe Pizza. Il segretario della Democrazia Cristiana sarà infatti il Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica.
L’onorevole Pizza è nato a Sant’Eufemia d’Aspromonte il 21 dicembre 1947. È celibe e vive a Roma. Come si apprende dal sito del ministero, è consulente aziendale di una multinazionale nel settore della Comunicazione; ha iniziato, giovanissimo, l’attività politica nella Democrazia Cristiana sino a diventare, negli anni ’70, leader storico del Movimento Giovanile; è membro del Consiglio Nazionale della Democrazia Cristiana e della Direzione Nazionale sotto la Segreteria dell’On.le Fanfani; è stato Delegato Nazionale del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana; è stato collaboratore de “Il Popolo” e direttore politico del mensile “Italia Cronache” e del Trimestrale “Per l’Azione”; è stato fondatore e Presidente del CIGRI (Comitato Italiano Giovanile per le Relazioni Internazionali); è rappresentante dell’Italia al CENYC (Commitee of European National Youth Councils) presso il Consiglio di Europa a Strasburgo; è co-Presidente della Conferenza dei Giovani sulla Cooperazione e Sicurezza Europea ad Helsinki; ha guidato, con successo, la battaglia contro la decisione del sen. Martinazzoli di chiudere la Democrazia Cristiana e ne è diventato, all’unanimità, Segretario Politico nel XIX Congresso tenutosi a Roma il 7 – 8 dicembre 2003; è stato riconfermato, sempre all’unanimità, Segretario Politico nel XX Congresso tenutosi a Roma il 17 – 18 novembre 2006; è esperto di storia del medioevo e di pittura manierista e barocca nonché di bibliofilia.
Sul sito democraziacristiana.org si legge: “E’ un onore per me – ha dichiarato il Segretario della Democrazia Cristiana – servire il Paese ed il Partito con un incarico istituzionale così prestigioso. Al Presidente Silvio Berlusconi va il mio grazie più sentito per il riconoscimento che ha voluto esprimere, soprattutto, nei confronti della Democrazia Cristiana con il pieno accordo ed il sostegno anche da parte del Presidente della Camera, Gianfranco Fini”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venditori nel settore edile in Abruzzo

Next Article

La Maturità di Marco Baldini

Related Posts
Leggi di più

Muore in un incidente prima della discussione della tesi ma l’università precisa: “Non era in programma nessuna laurea”

Giallo sulla morte di Riccardo Faggin, studente di 26 anni iscritto alla facoltà di Scienze infermieristiche dell'Università di Padova. Si è schiantato contro un albero a pochi metri da casa dove era tutto pronto per festeggiare la sua laurea. Ma l'ateneo ha precisato che il suo nome non era nell'elenco dei laureandi.