Un SISTEMA contro il maltempo

pioggia.jpgLa Bicocca si dà da fare per difendersi dal maltempo. Insieme all’Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali del Cnr, a Meteo Operations Italia, aa ARIANET e a Informatica ambientale, con l’appoggio esterno di Nokia Italia, ha dato vita a SISTEMA (Strumenti Informatici per lo Studio e il Trattamento di Emergenze Ambientali).
Il Progetto nasce con l’obiettivo di realizzare un sistema modulare per la gestione in tempo reale dei rischi ambientali causati da eventi estremi dipendenti dalle condizioni metrologiche o da incidenti di natura tecnologica. Con SISTEMA sarà possibile prevedere le situazioni di potenziale rischio per l’ambiente e per le persone con sufficiente anticipo, attuando i necessari interventi di protezione civile. Gli strumenti tecnologici di comunicazione con i quali veicolare le informazioni permettono di attivare e meglio coordinare le attività grazie alla disponibilità delle informazioni di early warning in tempo reale a tutti i soggetti preposti della pubblica amministrazione.
La quantità di pioggia, il vento, la temperatura e le altre variabili meteorologiche possono giocare un ruolo fondamentale su inquinamento atmosferico, gestione idrogeologica, attività agricole, gestione dei bacini e degli ecosistemi e conservazione del patrimonio arboreo e boschivo, sia in termini di apporto idrico sia in termini del rischio di distruzione per incendi, frane, smottamenti.
Lo scorso novembre il Progetto si è classificato al primo posto della graduatoria dei Metadistretti 2008 della Regione Lombardia, ricevendo un finanziamento di circa un milione di euro.
Ma è ancora presto per godere dei suoi effetti. SISTEMA prevede infatti una fase di studio, della durata di due anni, durante la quale verranno definite le procedure di calcolo dei rischi ambientali e della dispersione degli inquinanti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UniCal-Rai, accordo sulla legalità

Next Article

Stage per economisti, nel milanese

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".