Plebiscito: 1300 voti per il figlio di Fortugno

Giuseppe Fortugno, il figlio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria ucciso a Locri il 16 ottobre del 2005, “ha ottenuto una vittoria brillante alle recenti elezioni per il rinnovo delle rappresentanze studentesche”.
Da un comunicato si apprende che “il primogenito di Francesco Fortugno è risultato il primo eletto tra i rappresentanti del Senato Accademico presso l’Università Tor Vergata di Roma, dove frequenta la facoltà di Medicina e chirurgia il giovane studente ha sfiorato i 1.300 voti, doppiando il secondo eletto. È la prima volta che un rappresentante studentesco, nella storia dell’ateneo romano, riesce a raggiungere tale quota. Il venticinquenne calabrese laureando in medicina faceva già parte degli organi della stessa università. Ha ottenuto, nelle ultime votazioni, un plebiscito nella sua facoltà totalizzando circa novecento preferenze rispetto alle centoventi del secondo candidato”.
“La schiacciante affermazione del “figlio d’arte” (la madre è la parlamentare Maria Grazia Laganà, confermata alla Camera nelle ultime elezioni del 13 e 14 aprile scorso) – conclude la nota – è frutto del buon lavoro fatto negli anni precedenti da Giuseppe Fortugno e dal gruppo a cui fa capo (40 consiglieri su 92 eletti in tutte le facoltà di Tor Vergata, 33 su 39 solo a Medicina)”.
“In questi anni – ha sostenuto Giuseppe Fortugno – ho cercato sempre di dare il mio modesto contributo per l’ateneo e sono stato sempre al servizio degli studenti, in particolare di quelli calabresi, cercando di interpretare e di risolvere per il meglio i loro problemi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage in Erg per brillanti laureati under 26

Next Article

Tirocini presso casa editrice,il bando dalla Crui

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.