Un patto educativo per valorizzare la scuola e lo studio

democrazia_miniatura-tg241

Nelle nostre attuali società, le cosiddette società della conoscenza, le risorse culturali rappresentano la base della crescita integrale e spirituale della persona umana e la condizione necessaria per poter vivere una vita dignitosa, ma anche la variabile fondamentale per attivarepositivamente uno sviluppo economico, sociale e civico equo e duraturo. Questa impostazione concettuale e politica è sempre più attrezzata e praticata nei Paesi Ocse particolarmente innovativi e sembra essere al centro delle politiche attive anticipate del Governo Renzi.

A parlare è il professor Antonio Cocozza, che propone un patto educativo al fine di valorizzate la scuola e lo studio. “A fronte dei notevoli e continui mutamenti a cui stiamo assistendo negli ultimi anni, occorre domandarsi quale cittadino intediamo formare, per quale tipo di società. Per questo motivo – continua Cocozza – è assolutamente necessario lanciare un grande dibattito in Italia, attraverso la realizzazione di un’Assemblea costituente della scuola, focalizzata a discutere e ad approfondire il grado di adeguatezza della qualità della scuola italiana nel contesto europeo e in quello dei paesi più industrializzati, in una prospettiva di corretta applicazione dei principi dell’autonomia scolastica, della responsabilità e dell’inclusione sociale.

Si tratta, insomma, di coinvolgere attivamente gli studenti nei processi di apprendimento e invogliarli allo studio, attraverso una nuova leva di insegnanti che siano aperti alla comprensione della realtà, desiderosi di apprendere prima di insegnare.

E’ necessario, dunque, acquisire una visione sistemica e riflessiva della comunità scolastica, come comunità educante eticamente respinsabile, e diffondere la cultura dell’autonomia e della responsabilità personale e istitutzionale.

Il professore conclude con un monito molto chiaro: “Occorre dimostrare concretamente che è assolutamente sbagliato pensare che “studiare nons erve”. Anzi, lo studio ha un effetto moltiplicatore, in quanto arricchisce la persona, la famiglia, la comunità nel suo insieme”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'intervista a Neri Marcorè: “Ragazzi, dimostrate chi siete”

Next Article

Miur - Abilitazione Scientifica Nazionale va in pensione: "Serve procedura meno complessa"

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.