Un patto educativo per valorizzare la scuola e lo studio

democrazia_miniatura-tg241

Nelle nostre attuali società, le cosiddette società della conoscenza, le risorse culturali rappresentano la base della crescita integrale e spirituale della persona umana e la condizione necessaria per poter vivere una vita dignitosa, ma anche la variabile fondamentale per attivarepositivamente uno sviluppo economico, sociale e civico equo e duraturo. Questa impostazione concettuale e politica è sempre più attrezzata e praticata nei Paesi Ocse particolarmente innovativi e sembra essere al centro delle politiche attive anticipate del Governo Renzi.

A parlare è il professor Antonio Cocozza, che propone un patto educativo al fine di valorizzate la scuola e lo studio. “A fronte dei notevoli e continui mutamenti a cui stiamo assistendo negli ultimi anni, occorre domandarsi quale cittadino intediamo formare, per quale tipo di società. Per questo motivo – continua Cocozza – è assolutamente necessario lanciare un grande dibattito in Italia, attraverso la realizzazione di un’Assemblea costituente della scuola, focalizzata a discutere e ad approfondire il grado di adeguatezza della qualità della scuola italiana nel contesto europeo e in quello dei paesi più industrializzati, in una prospettiva di corretta applicazione dei principi dell’autonomia scolastica, della responsabilità e dell’inclusione sociale.

Si tratta, insomma, di coinvolgere attivamente gli studenti nei processi di apprendimento e invogliarli allo studio, attraverso una nuova leva di insegnanti che siano aperti alla comprensione della realtà, desiderosi di apprendere prima di insegnare.

E’ necessario, dunque, acquisire una visione sistemica e riflessiva della comunità scolastica, come comunità educante eticamente respinsabile, e diffondere la cultura dell’autonomia e della responsabilità personale e istitutzionale.

Il professore conclude con un monito molto chiaro: “Occorre dimostrare concretamente che è assolutamente sbagliato pensare che “studiare nons erve”. Anzi, lo studio ha un effetto moltiplicatore, in quanto arricchisce la persona, la famiglia, la comunità nel suo insieme”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'intervista a Neri Marcorè: “Ragazzi, dimostrate chi siete”

Next Article

Miur - Abilitazione Scientifica Nazionale va in pensione: "Serve procedura meno complessa"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.