ULTIM’ORA – La Camera dà l’ok alla stabilizzazione dei precari della scuola

precari della scuola

Arriva finalmente l’ok dalla Camera per la stabilizzazione dei precari della scuola. Il governo, questa mattina, ha approvato i testi con cui si impegna “nel rispetto della normativa europea, a definire un nuovo piano pluriennale di assorbimento delle graduatorie ad esaurimento”.

“Espletate le procedure di assunzione relative all’ultimo concorso a cattedra del 2012 – prosegue l’impegno della mozione del Pd – il governo è impegnato a bandire, con cadenza biennale, nuove prove concorsuali che tengano conto dei flussi di pensionamento e dei trasferimenti e, nel rispetto della normativa europea, a garantire il regime del doppio canale per i docenti abilitati, a partire da coloro che siano in possesso di almeno tre anni di servizio; c) ad assumere iniziative per ovviare ad una carenza della riforma pensionistica attuata che non ha tenuto nel necessario conto le peculiarità del comparto della scuola, nel quale la data di pensionamento è legata, per esigenze di funzionalità e di continuità didattica, alla conclusione dell’anno scolastico”.

Ok all’unanimità anche alla risoluzione, a prima firma Saltamartini ma sottoscritta da tutti i gruppi, per risolvere il nodo degli insegnanti Quota 96, che a causa della riforma Fornero non sono potuti andare in pensione nonostante i requisiti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU e Udu: "Ministro Giannini disponibile al confronto", ma Link rilancia: "Serve svolta radicale"

Next Article

Università - Test d'ingresso, arrivano le Guide del Miur

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident