Giannini: "Entro il 1° dicembre bando per il nuovo concorso nazionale"

“Entro il 1° dicembre bando di concorso nazionale per i docenti”. E’ questa la novità principale della conferenza stampa tenuta questo pomeriggio dal ministro Stefania Giannini nella Sala Comunicazione del MIUR. Giannini ha voluto commentare insieme alla stampa le assunzioni di questa notte, ma in generale la riforma della scuola pronta ad entrare in classe a settembre.
Da quest’anno cambiamento effettivo delle prospettive dei nostri studenti – ha esordito il ministro, prima di parlare dell’argomento chiave, la mobilità degli insegnanti. “Su 38mila insegnanti assunti solo 7.000 in mobilità ampia. La mobilità, comunque, c’è sempre stata. La differenza principale con la Buona Scuola è il posto fisso offerto all’insegnante Su 100.000 assunzioni la mobilità è calcolabile tra il 10 e 15 %. Dato fisiologico. Non è un algoritmo che ha deciso l’assegnazione delle cattedre. Ma una ragionata visione del mondo della scuola Non è stato cervellone elettronico ma mappatura di domanda e offerta a stabilire mobilità degli insegnanti. Per la prima volta abbiamo coperto – inoltre – il fabbisogno del sostegno in 15 regioni”.
Il ministro ha poi tracciato il profilo dei nuovi assunti: “Uno su due ha meno di 40 anni, più dell’80 % è donna”
Si è parlato anche di alternanza scuola lavoro, considerata dal ministro “uno dei pilastri della riforma”.
Il ministro Giannini ha poi annunciato il prossimo bando per i laboratori, che partirà dal prossimo venerdì, con una disponibilità di 50 milioni di euro.
Si è parlato, infine, del Mezzogiorno. “Al Sud capitale umano giovane, potenzialmente pronto a svolgere ruoli se incontra offerta d’istruzione di qualità” Abbiamo la possibilità di far sì che il Sud offra le stesse opportunità del Nord grazie alle potenzialità dell’Università e della Ricerca”.
“La diminuzione degli aspiranti medici è un dato positivo” – ha concluso il ministro Giannini, rispondendo alle domande dei giornalisti presenti.
RN

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Col nuovo ISEE migliaia di studenti "esodati"

Next Article

Scuola, tutti i numeri delle assunzioni

Related Posts
Leggi di più

Napoli, allarme gratta e vinci

Napoli. Ogni mattina nei tabaccai del centro è un via vai di gente intenta a comprare gratta e vinci nella speranza della vincita miracolosa. C'è chi spende anche 50 al giorno. Tra le vittime anche ragazzini delle scuole superiori che, ricordiamo, essendo minorenni non potrebbero nemmeno acquistare i biglietti.