“Uj4Kids”: Umbria Jazz entra nelle scuole primarie

“Maestra, allora è jazz” è il titolo di una masterclass gratuita dedicata alle tecniche vocali ed aperta ai docenti delle scuole primarie in programma domani 16 luglio a Perugia durante Umbria Jazz.
In questa 47/a edizione è stata inaugurata una sezione chiamata “Uj4Kids”, l’organizzazione del festival si avvale della collaborazione dell’Associazione Ijvas (Il Jazz va a scuola) nata all’interno della Federazione del Jazz Italiano, che ha già attivato una rete importante di collaborazioni con le scuole del territorio italiano e con le realtà virtuose già esistenti che operano attivamente nelle scuole attraverso il linguaggio del Jazz.
Obiettivo è quello di compiere azioni strutturali per introdurre il jazz nelle scuole di ogni ordine e grado. Nell’associazione sono coinvolti insegnanti, ricercatori e studiosi che operano nella didattica musicale da anni.
Accanto alle attività di laboratorio e di intrattenimento – il festival propone infatti ogni mattina in via della Viola appuntamenti con educatori e musicisti per far cominciare a conoscere ai più piccoli il fascino del jazz – il programma di “Uj4Kids” prevede quindi anche questo importante momento di confronto e di studio aperto principalmente agli addetti ai lavori. L’evento si terrà dalle 15 nella sala Partecipazione di Palazzo Cesaroni ed è a cura di Catia Gori, coordinatrice della Associazione Ijvas.
orizzontescuola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Italia è boom di certificazioni per dislessia: sono 177 mila

Next Article

Universiadi, Napoli passa il testimone a Chengdu portando a casa 44 medaglie

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno