Test di Medicina "viziati", l'Udu ricorre al Tar

«Il test è nullo, la graduatoria non è valida e quindi gli studenti che hanno partecipato devono essere tutti ammessi alla facoltà». Lo chiedono gli studenti dell’Udu.

«Il test è nullo, la graduatoria non è valida e quindi gli studenti che hanno partecipato devono essere tutti ammessi alla facoltà». Lo chiedono gli studenti dell’Udu (Unione degli universitari) che, con l’avvocato Michele Bonetti, sono promotori di un ricorso al Tar della Toscana perché durante i test di accesso a medicina e odontoiatria in due aule era rimasta appesa la Tavola periodica degli elementi.
Secondo gli studenti, la presenza delle tavole avrebbe aiutato i candidati nei quesiti di chimica, favorendoli rispetto a quelli che hanno sostenuto la prova nelle altre aule. Ieri lo stesso Ateneo ha chiesto al ministero di sospendere la valutazione dei test e ha istituito una commissione interna per valutare quanto la presenza delle tavole degli elementi abbia influito sull’esito della prova.
«Almeno 20 studenti hanno firmato il ricorso – spiega Enrico Bartolini, rappresentante degli studenti per la lista Udu nel senato accademico – e continuano ad arrivare adesioni. Chiediamo di sospendere la graduatoria e annullate il test. E, considerando che trovare un correttivo è praticamente impossibile, il risultato finale potrebbe essere l’ammissione alla facoltà di tutti i partecipanti al test. Questo è il nostro obiettivo legale e politico».
In una nota diffusa nel tardo pomeriggio l’Ateneo di Firenze spiega che «in base ai contatti con gli organi competenti e agli approfondimenti attualmente ancora in corso, l’amministrazione universitaria conta di arrivare in brevissimo tempo ad una soluzione a cui sta lavorando già dalla giornata di ieri». Il rettore di Firenze Alberto Tesi, conclude la nota, riferirà sull’argomento nel corso della seduta del Senato accademico prevista per domani.

Total
0
Shares
3 comments
  1. Io credo che per eliminare ogni possibilità che qualche ragazzo che meritiva di superare il test non lo superi, e allo stesso tempo ridurre al minimo coloro i quali non meritavano di accedere alla facoltà vi accedino, si debba far entrare tutti i candidati che hanno un punteggio inferiore rispetto all’ultimo posto disponibile di 3,75 punti (valore che nasce dal punteggio in gioco con le 3 domande incriminate).
    Saluti
    L.

  2. visto l’errore la cosa piu’ giusta sarebbe ripetere il test oppure prendere tutte le persone che hanno fatto 3,75 punti in meno rispetto a quelli che sono entrati perchè quei punti sono dovuti alle domande incriminate dovrebbero prendere tutti quelli che hanno fatto un punteggio superiore a 42. (cioè circa un centinaio di persone in più.

Lascia un commento
Previous Article

Luiss, crescono le domande di ammissione

Next Article

Aquila, campus universitario sotto accusa

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.