Ucraina, tra i morti dell’aereo abbattuto anche diversi ricercatori sull’AIDS

boeing

L’incidente aereo in Ucraina ha provocato la morte di diversi ricercatori sull’AIDS, diretti ad un convegno mondiale in Australia. Il Boeing malese abbattuto in Ucraina aveva molti passeggeri diretti alla conferenza AIDS2014 di Melbourne. Tra loro forse anche il ricercatore Joep Lange, ex presidente della Società Internazionale sull’Aids.

Il convegno si sarebbe dovuto svolgere domenica, dal 20 al 25 Luglio: “Molti ricercatori e responsabili erano a bordo del volo in viaggio per Melbourne” ha scritto su Twitter il Prof. Gonsalves citando Lange tra le vittime.
Ed anche la Società Internazionale sull’Aids ha appena rilasciato un comunicato in cui conferma che “molti dei nostri colleghi ed amici” erano in viaggio per Melbourne a bordo del velivolo per il convegno mondiale biennale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pompei, ultima chiamata: il Governo si muove per il rilancio definitivo

Next Article

Edilizia scolastica, da oggi il via ai lavori: oltre 7.700 istituti coinvolti nel 2014

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".