Tutte le borse di studio per andare in Slovacchia

Borsa di studio di lunga durata presso le università slovacche pubbliche per cittadini italiani, giovani ricercatori scientifici e laureati con le specializzazioni umanistiche oppure scientifico-tecnologiche. Ma anche una Borsa estiva della lingua e cultura slovacca SAS per cittadini italiani – studenti universitari
Chi può concorrere? Studenti universitari dei corsi di bachelor, di laurea magistrale e di PhD, giovani ricercatori scientifici e laureati con le specializzazioni umanistiche oppure scientico-tecnologiche.
Importo della borsa di studio

  • Stipendio mensile 280,- € per studenti universitari
  • Stipendio mensile 330,- € per dottorandi
  • Stipendio mensile 550,- € per ricercatori scientifici e docenti universitari

Le informazioni dettagliate sulle borse di studio, le scadenze per la presentazione delle domande e formulari sono reperibili sul sito: www.studyin.sk. dove si trovano anche le informazioni sulla Slovacchia, sulle università slovacche, informazioni utili per il soggiorno in Slovacchia anche in versione inglese)
Tutti i dettagli e (il bando) sono disponibili a questo link
https://www.esteri.it/mae/resource/mae/2014/12/20141612_repubblica_slovacca_borse_studio.pdf
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuova Zelanda: ecco le borse di studio di 3 anni

Next Article

Due lauree in una: all'Insubria si può

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.