Turchia, 19 a processo per aver organizzato un Pride all’università

Anche se concentrate in una vera e propria caccia alle streghe nei confronti di chi dissente dalle operazioni militari nel nord-est della Siria, le autorità giudiziarie turche hanno trovato il tempo e lo spazio per mandare a processo 18 studenti e un docente del Politecnico del Medio Oriente di Ankara.
La loro “colpa” è di aver organizzato, lo scorso 10 maggio, un Pride all’interno dell’università, sfidando un divieto del tutto illegale. La marcia venne dispersa dalla polizia con spray al peperoncino, proiettili di plastica e gas lacrimogeni, il cui uso provocò diversi feriti.
Questa mattina, dunque, i 19 imputati vanno a processo per il farsesco reato di “rifiuto di disperdersi”, ai sensi della Legge sulle riunioni e le manifestazioni. Rischiano da sei mesi a tre anni di carcere.
Un imputato verrà processato per “offesa a pubblico ufficiale”, per un presunto gesto con la mano diretto a un agente di polizia. Per lui si prospetta una pena da tre mesi a due anni.
corrieredellasera

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assedio all'università a Hong Kong, scontri e feriti

Next Article

Università telematiche: boom di lauree in Italia

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.