[email protected]: una settimana in ateneo per scoprire l’Università dei tuo sogni

Scegliere l'Università

Il progetto della Regione Toscana giunto alla sua seconda edizione, offre la possibilità a 360 ragazzi delle scuole superiori di seguire i corsi universitari.

 

Provare l’università una settimana per capire le proprie attitudini e scegliere con sicurezza. Questa l’opportunità offerta a 360 ragazzi toscani di quarto e quinto liceo, che dal 29 luglio al 2 agosto saranno ospitati dalle università di Firenze, Pisa e Siena dal 29 luglio al 2 agosto.

I tre atenei partecipanti ospiteranno ciascuno 120 studenti, che alloggeranno nelle sedi delle università e seguiranno un apposito programma di lezioni e orientamento. Tra le finalità del progetto la volontà di contrastare la dispersione scolastica e l’abbandono degli studi (in Italia riguarda il 17% degli studenti al primo anno di università), attraverso attività di formazione costante.

Tra le categorie più a rischio i ragazzi che hanno genitori con titoli di studio bassi, quelli che frequentano le scuole superiori in paesi che non hanno un ateneo e coloro che abitano lontani dai centri di studio universitari.

“Crediamo molto in questo progetto – ha spiegato Stella Targetti, vicepresidente Regione Toscana  – perché è fondamentale mettere i ragazzi e le ragazze nelle condizioni migliori per scegliere il percorso universitario più congeniale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Skills mismatch": la generazione a rischio è la più preparata di sempre

Next Article

Studente di Giurisprudenza trovato morto: era arrivato a Bologna per fare un esame

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".