Torno Subito, pubblicato il bando: ecco i 1.000 vincitori

Sono 993 i vincitori del 2° bando “Torno subito” promosso dalla Regione Lazio, che finanzia percorsi di formazione o work experience in Italia e all’estero per studenti o laureati tra i 18 e i 35 anni. La graduatoria è stata ufficializzata oggi con la pubblicazione sul BURL, e gli elenchi sono già disponibili sul sito www.regione.lazio.it/tornosubito

“Rispetto allo scorso anno – dichiara il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio – il numero dei progetti presentati è quasi raddoppiato, un risultato straordinario che conferma la validità di un progetto su cui la Regione ha puntato come una delle azioni cardine della nuova programmazione del Fondo Sociale Europeo 2014-2020. C’è poi un altro elemento che va valorizzato, il protagonismo dei giovani che di fronte all’opportunità di ‘Torno Subito’ hanno elaborato e presentato i loro progetti di formazione in Italia e all’estero. Una occasione unica di valorizzazione dei singoli, dei ragazzi, del loro capitale umano messo a disposizione della propria comunità, delle istituzioni locali e del sistema d’impresa. Formarsi ovunque nel mondo – conclude Smeriglio – per poi tornare per crescere e far crescere il sistema regionale”.

Il bando, finanziato complessivamente con 13 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo 2014/2020, si era chiuso lo scorso luglio, ed aveva visto la presentazione di 1.482 progetti. Sono stati approvati tutti i progetti ammissibili, sia sulla linea speciale dedicata alle professioni cinematografiche (72 ammessi su 92) che su quelle generale (921 ammessi su 1.391).

Un nuovo sistema informatico per la presentazione delle domande ha permesso di ottenere in tempo reale l’identikit dei 993 vincitori: in maggioranza le donne, 602, contro 398 uomini. Lo stato occupazionale registra  547 inoccupati e 446 disoccupati, 819 i residenti nel Lazio, mentre 174 sono i “domiciliati” nella regione. Inoltre, 60 degli ammessi avevano già partecipato e vinto il 1° bando Torno Subito dello scorso anno. La grande maggioranza dei vincitori è laureato (798), 56 hanno invece un titolo post laurea, mentre 122 sono ancora studenti universitari. Per la linea delle professioni cinematografiche risultano anche 17 diplomati. Sono 197 i vincitori che resteranno fuori dal Lazio (in Italia o all’estero) per un periodo fino a 12 mesi,  337 per un periodo all’estero fino a 6 mesi, e 387 per un analogo periodo di tempo in altre regioni italiane. Al rientro parteciperanno a periodi di formazione lavoro all’interno degli enti partner che arriveranno ad una durata massima di 6 mesi.

I quasi mille progetti vertono moltissime e diverse tematiche. In via di ambiti generali la distribuzione è la seguente: Cultura e creatività 169; Green economy, energia e ambiente 145; I.C.T. (Information and Comunication Technology) 60; Inclusione ed innovazione sociale 140; Ricerca sperimentale, innovazione di processo, prodotto o di organizzazione 393; Altri settori86.

La media di finanziamento concesso a progetto è di circa 13.500 euro. I primi 158 ragazzi partiranno già entro il mese di settembre, i prossimi a seguire entro dicembre 2015.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, altro che cervelli in fuga! In Italia raddoppiano i talenti stranieri

Next Article

Roma Capitale: concorso per l'assunzione di docenti per nidi e scuole dell'infanzia

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.