Torna a casa dal parrucchiere, trascina e uccide con Suv un’universitaria

trascina e uccide un'universitaria

MUORE UN’UNIVERSITARIA. Si chiamava Giulia Spinello, ed era una studentessa universitaria di 21 anni la ragazza rimasta uccisa oggi nel padovano in un incidente dalla dinamica raccapricciante. La donna che l’ha investita, con una Jeep ‘Grand Cherokee’ e’ arrivata a casa, a circa tre chilometri di distanza dal punto dell’impatto, con ancora il corpo della poveretta incastrato lateralmente in un pezzo di carrozzeria.

I carabinieri di Cittadella, allertati da alcuni testimoni, hanno seguito la scia di sangue lasciata sull’asfalto, arrivando alla macchina investitrice. Contrariamente a quanto riferito nell’immediatezza del fatto, non e’ chiaro se la donna al volante si sia accorta o meno di quanto era accaduto.

Gli investigatori ritengono probabile che la donna si fosse accorta di aver investito qualcosa e forse in preda alla shock avrebbe proseguito la corsa con il Suv senza fermarsi ad accertarsi. L’ipotesi sulla quale gli investigatori stanno lavorando e’ al momento omicidio colposo, e nei confronti dell’automobilista non sono state prese al momento misure restrittive.

Secondo una prima ricostruzione, Giulia Spinello sarebbe stata colpita dall’auto poco distante da casa, in via Ceccarello, a Santa Giustina in Colle, mentre si recava a casa di una parente. La donna al volante del Suv, residente in un comune confinante, San Giorgio delle Pertiche, nella frazione di Arsego, stava tornando a casa dopo essere stata dal parrucchiere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sesso, il bondage fa bene alla salute mentale

Next Article

Le "Iene" dell'Unical: Hai mai spottato qualcuno?

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"