Il torinese I3P, tra gli incubatori universitari migliori nel mondo

ubi index

C’è anche l’incubatore di un’Università italiana nella classifica dei 25 acceleratori d’impresa migliori al mondo. L’I3P, incubatore del Politecnico di Torino, è l’unico incubatore universitario italiano nel ranking 2014 divulgato da Ubi Index, la classifica mondiale degli incubatori universitari.

L’ente di ricerca svedese, il solo a monitorare l’attività degli incubatori di tutto il mondo, ha reso pubblica la classifica della “Global Top 25”, le prime venticinque posizioni. L’unico esponente del nostro Paese è appunto l’incubatore torinese.

L’incubatore del Politecnico di Torino ha praticamanet mantenuto la posizione che aveva già acquisito nel 2013, quando si era dimostrato il primo in Italia, il quarto in Europa e l’undicesimo° nel mondo. Il risultato di quest’anno, però, ha maggior peso in quanto è aumentata la concorrenza: se nel 2013 gli incubatori monitorati erano stati circa 150, provenienti da 22 Paesi, questa volta le realtà analizzate sono state 300 di 66 Paesi.

Nella classifica europea, I3P ha ottenuto quest’anno la quinta posizione, dietro a SETsquared dell’università di Bath (Regno Unito), Encubator dell’ateneo svedese di Chalmers, IniTS della Vienna University of Tecnology eDTU Symbion Innovation della Technical University of Denmark.

In quella mondiale, invece, si è assestato in quindicesima posizione, in una classifica dominata dall’incubatore statunitense della Rice University. Dopo il primo posto assegnato agli Usa c’è il britannico SETSquared, ma al terzo posto spunta un cinese: è lo Scut National University Science Park South della China University of Technology. Segue un incubatore australiano, un canadese e al sesto posto ci sono i cileni di IncubaUC, della Pontificia Unversità Cattolica del Cile, seguiti da un incubatore di Taiwan.

“Anche quest’anno, il ranking UBI Index ha confermato che I3P si colloca tra i migliori incubatori universitari a livello mondiale – ha dichiarato Marco Cantamessa, presidente di I3P – I meriti vanno a un team eccellente per professionalità e impegno, e al supporto che viene costantemente garantito dai nostri soci. Più in generale, vedo in questo riconoscimento la dimostrazione che l’università italiana, coniugando ricerca e innovazione ai massimi livelli, può contribuire in modo significativo al rilancio del nostro Paese”.

Fondato nel 1999, lìncubatore d’Imprese Innovative del Politecnico di Torino è una società costituita da Politecnico di Torino, Provincia di Torino, Camera di commercio di Torino, Finpiemonte, Fondazione Torino Wireless e Città di Torino. Ad oggi ha avviato oltre 160 startup che hanno saputo mettere a frutto i risultati della ricerca in diversi settori: ICT/Social Innovation, Cleantech, Medtech, Industrial, Elettronica e automazione.

Nel 2011, I3P ha lanciato TreataBit, un percorso di incubazione dedicato ai progetti digitali rivolti al mercato consumer, quali portali di e-commerce, siti di social network, applicazioni web e mobile. Fino ad oggi, Treatabit ha supportato 135 idee d’impresa, di cui 69 progetti sono online e 29 sono diventate impresa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’Università italiana si apre all’inglese

Next Article

Censis - Cresce la sfiducia nella scuola: non è più un ascensore sociale

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.