Tor Vergata, premia i migliori laureati

Trecento premi di laurea annuali destinati ai migliori laureati di Tor Vergata. L’ateneo romano valorizza i suoi migliori dottori con la somma di 5.000 euro ciascuno. Si tratta di una delle più alte donazioni di un privato verso un’università pubblica.

L’iniziativa, che si deve ai coniugi Raeli, giunta alla sua quinta esperienza, conferma la volontà dell’Ateneo di premiare l’impegno e sostenere i giovani nel loro futuro, nonostante il periodo di crisi economica e tagli alla spesa pubblica. La consegna dei premi si terrà domani alle 10 nell’Aula Magna della facoltà di Economia.

«I coniugi Sebastiano e Rita Raeli – spiega una nota dell’ateneo – sostengono e incoraggiano i più meritevoli tra gli studenti dell’Ateneo Roma Tor Vergata dal 2007. Si tratta di un’iniziativa che ha pochi uguali nella storia dell’Università italiana. Anche quest’anno i migliori 300 studenti di Tor Vergata che si sono laureati nel periodo che va dal 1° giugno 2010 al 31 maggio 2011 riceveranno un premio di laurea da 5000 euro l’uno, come previsto dal bando di concorso 2011.

Sarà la signora Rita De Lucia Raeli a consegnare personalmente i premi, come consuetudine, gli studenti dal momento che il marito, Sebastiano Raeli, è venuto a mancare il 27 aprile dello scorso anno». «Il premio Raeli – sottolinea il Rettore Renato Lauro – è un atto di liberalità come raramente se ne vedono nel nostro Paese. Questa iniziativa rappresenta uno stimolo a proseguire la formazione in campo universitario premiando il merito e l’impegno dei nostri laureati».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lo scopritore del virus HIV al Sannio

Next Article

Unimore, creato il silicio deformato

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.