Arriva Teen: tirocini all’estero per laureati

Si chiama “TEEN” ed è un progetto della comunità europea nato nell’ambito del programma “Leonardo da Vinci”, che sostiene finanziariamente i laureati che decidono di svolgere un periodo di tirocinio all’estero.
L’acronimo TEEN sta per Tourism und Environment Training Experiences in Europe for New-graduates, ovvero uno speciale sostegno per i laureati che intendono acquisire competenze nel campo del turismo e della tutela ambientale.
Il progetto si rivolge a laureati delle Università di Bolzano, Trento, Verona e Basilicata, nonché a laureati delle rispettive province. Per partecipare al bando è necessario avere non più di 29 anni ed essere in possesso di una laurea triennale o specialistica/magistrale o di una laurea del vecchio ordinamento o di un diploma di master (1 o 2 anni). Il titolo deve essere stato conseguito da più di 18 mesi.
Lo stage deve durare almeno 6 mesi. Sono previsti tre bandi di selezione per l’assegnazione di un totale di 85 borse di mobilità: a settembre 2009, a febbraio 2010 ed a giugno 2010.
L’Ufficio relazioni internazionali della Libera Università di Bolzano organizza un incontro informativo per tutti gli interessati: l’appuntamento è per lunedì 14 settembre alle ore 15 presso la sede universitaria di Bolzano (piazza Università 1). L’ateneo di Bolzano raccoglie fino al 23 settembre le domande di ammissione non solo dei propri laureati ma anche dei laureati delle Università partner.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sun: ecco la scadenza per le borse di studio

Next Article

La Sapienza "vuole i migliori"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.