Tintarella: i giovani non conoscono i rischi a cui si espongono

Schermata 2013-05-03 a 15.45.00

Malati di tintarella. Sempre piu’ giovani italiani non riescono a rinunciare alla pelle abbronzata. Una mania che li espone a rischi di tumori cutanei. L’allarme arriva dai dermatologi, secondo i quali i ragazzi sottovalutano i rischi causati dall’esposizione al sole e le lampade solari. Da uno studio – realizzato da Giuseppe Monfrecola, direttore della Scuola di specializzazione in dermatologia e venereologia della Facolta’ di Medicina e Chirurgia e coordinato da Gabriella Fabbrocini su 191 studenti di un liceo di Napoli di eta’ compresa tra i 16 e 19 anni – risulta infatti che circa il 17% degli adolescenti non ritiene che l’esposizione al sole sia dannosa e ben il 35% non e’ assolutamente a conoscenza dei rischi legati all’uso di lettini solari.

”Questi risultati sono allarmanti – evidenzia Fabbrocini, docente di dermatologia e venereologia presso l’Universita’ di Napoli Federico II – e’ molto importante seguire delle regole quando si parla di esposizione al sole questo perche’ la mania da abbronzatura, la cosiddetta tanoressia sta sempre piu’ prendendo piede, soprattutto tra i giovani, esponendoli al rischio di tumori cutanei”. Ma quali sono le regole per arrivare preparati all’estate?

“Per predisporre la pelle all’esposizione al sole basta seguire i tre passi fondamentali: pulire, tonificare ed idratare”, spiega Fabbrocini, indicazioni che fanno si’ che la pelle arrivi nello stato ideale per accogliere i raggi sani e proteggersi da quelli dannosi come i raggi Uva che, penetrando in profondita’, sono responsabili del foto invecchiamento, di allergie solari e nei casi piu’ gravi dei tumori della pelle.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maggio dei monumenti, da domenica al via le "Stazioni dell'arte"

Next Article

Droga, è allarme: oltre 600mila consumatori tra gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.