Test Veterinaria: ecco le domande ufficiali con le soluzioni

test veterinaria

“Se piove, andremo a fare una gita su un treno a vapore. Se c’è il sole, andremo a fare una gita in barca”. Sono appena state rese note le domande ufficiali del test di Veterinaria che si è svolto ieri, 3 settembre. “Le domande erano impossibili” – hanno commentato gli studenti – “soprattutto per quanto riguarda la sezione di chimica”. “Quest’anno stanno esagerando” – ha risposto qualche altro.

E’ arrivato, comunque, il test definitivo. All’interno del quiz ufficiale, 12 domande di chimica, 30 di cultura generale e ragionamento logico, e 18 di Biologia.

Ecco alcune impressioni a caldo raccolte su Facebook all’interno del gruppo Testbusters:
LOGICA e BIOLOGIA fattibili
– CHIMICA e MATEMATICA particolarmente difficili

LOGICA: in stile IMAT come previsto (quale frase meglio riassume il testo? qual è il messaggio principale? quale frase indebolisce maggiormente il ragionamento? ecc) + numerose proporzioni verbali a:b=c:d con richiesta conoscenza lessicale

CULTURA GENERALE: domanda sui premi Nobel, domanda di geopolitica, domanda sul ponte di Oresund. Non ci sono state domande di storia. (qualcuno sa se hanno chiesto qualcosa di letteratura?)

CHIMICA: esercizi avanzati. varie domande su acidi-basi!

BIOLOGIA: nulla di particolare da segnalare

MATE e FISICA: c’erano solo 6 domande: 1 sui condensatori, 1 un problema di geometria, 1 domanda che richiede conoscenze trigonometria, 1 calcolo esponenziale

Ecco il test ufficiale, completo di risposte, che potete scaricare direttamente qui. vet2013

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sardegna, il sistema informatico va in crisi: il test con carta e penna

Next Article

Volare in Cina per studiare telecomunicazioni: torna Talent Lab

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".