“Stupido, deficiente, somaro”: professore sotto processo a L’Aquila

professore sotto processo

“All’inizio era un professore normale, con il passare del tempo è peggiorato. Ci diceva “sei stupido, deficiente, stronzo”. Un giorno ha chiamato in cattedra un mio compagno, ed è poi ritornato nel banco con la scritta asino in fronte”.

 

E’ questa la testimonianza riferita ieri da uno degli ex studenti dell’Istituto Statale d’arte Fulvio Muzi de L’Aquila, parte offesa nel processo che vede coinvolto il professore Fiore Eusani. Le accuse sono molteplici: si va dagli appellativi pesanti verso ragazzi e ragazze fino a gesti definiti “estremi” nei riguardi degli alunni: compiti strappati davanti alla classe, colpi d’asticella sulla schiena, capelli tirati a una studentessa fino “a farla alzare dalla sedia”.

“Non c’erano motivazioni precise per quei gesti – ha continuato il teste. Invece di rimproverarci usava quei metodi. Ne avevamo parlato anche con altri insegnanti”. E infatti Eusani fu sostituito con un altro professore.

Eusani deve rispondere di atti di sopraffazione morale e materiale nei confronti dei suoi alunni. Sempre ieri, durante la prima udienza del processo, si sono registrate tensioni in aula tra la difesa e alcune parti civili. I fatti, comunque, si riferiscono all’anno scolastico 2009-2010, dopo la denuncia da parte dei genitori degli alunni. La prossima udienza è fissata per marzo 2014.
Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage retribuiti per neolaureati con il gruppo BNL

Next Article

LA STORIA: Inbal Pezaro, campionessa paralimpica, torna a camminare grazie alle "gambe robotiche"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.