Studenti all’estero, come viaggiare in modo più sostenibile?

Viaggiare è qualcosa che gli studenti internazionali non possono certo evitare. Diventa inevitabile dover prendere degli aerei. Ecco alcuni consigli che speriamo possano essere utili:
L’imbarco del primo volo anti-Covid

I viaggi aerei, che contribuiscono enormemente alle emissioni di carbonio, sono inevitabili per molti studenti che vivono all’estero o son di origine diversa dal paese in cui studiano. Esiste un modo più sostenibile per arrivare comunque a destinazione?

Viaggiare è qualcosa che gli studenti internazionali non possono certo evitare. Diventa inevitabile dover prendere degli aerei. Ecco alcuni consigli che speriamo possano essere utili:

Controlla cosa offre la tua università

  • Molte università che accolgono un numero elevato di studenti internazionali hanno preso in mano la situazione e hanno adottato misure per semplificare gli spostamenti ai propri iscritti. Ad esempio, l’Università di Oxford compensa le emissioni dei voli attraverso il Fondo di sostenibilità dell’Università di Oxford.

Questi accorgimenti sono ancora nuovi e le università stanno cercando di capire come farlo in un mondo post-pandemia, quindi assicurati di metterti in contatto con la tua futura università per chiedere cosa sta facendo per compensare le emissioni dei viaggi aerei.

Trova modi per compensare le tue emissioni di carbonio

  • Se la tua università non ha in essere questo tipo di iniziative ecologiche, potrebbero esserci dei modi per farlo da solo. Dalla scelta di una compagnia aerea che ti permetta di compensare le emissioni di carbonio del tuo volo alla donazione a cause sostenibili, piccole cose possono contribuire a compensare le emissioni di un volo a lungo raggio.

Prendi in considerazione i un campus distaccati

  • Molte prestigiose università nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada e in Australia hanno sedi distaccate in tutto il mondo, molte delle quali potrebbero essere più vicine al tuo paese d’origine. Ad esempio, l’Università di Nottingham ha una succursale in Malesia, la New York University ha una succursale ad Abu Dhabi e la Carnegie Mellon University ha una succursale in Ruanda.

Ci sono molti altri campus internazionali che consentono agli studenti di studiare in università di alto livello più vicine a casa, riducendo così la distanza che devono percorrere ma offrendo comunque un’istruzione di alta qualità.

Considera altri mezzi di trasposto quando possibile

  • Anche se i tuoi voli da e per l’università contribuiscono in modo determinante alle emissioni di carbonio, a volte questo è inevitabile. Considera invece le scelte di trasporto che fai quando raggiungi la tua destinazione di studio all’estero. Invece di prendere un taxi o guidare la tua auto, potresti usare un autobus o un treno? O meglio ancora potresti investire in una bicicletta o camminare per distanze più brevi?

Possono sembrare piccoli accorgimenti, ma nel tempo possono fare la differenza.

Guarda se il tuo corso integra la sostenibilità nel suo curriculum

  • A prescindere dai viaggi, un modo per essere più sostenibili come studente internazionale è imparare il più possibile sui cambiamenti climatici e sulla sostenibilità. Molte università stanno ora incorporando l’istruzione sulla sostenibilità in tutti i loro corsi di laurea in modo che, indipendentemente da ciò che studi, puoi essere sicuro di imparare di più sul mondo e su come vivere in modo più sostenibile.

Fai scelte sostenibili quando viaggi

  • Un’altra cosa che puoi fare è provare a fare le valigie e viaggiare nel modo più sostenibile possibile. E ci sono molti modi in cui puoi farlo. Se porti con te cibo o bevande in aereo, cerca di evitare gli imballaggi di plastica monouso. Mentre fai le valigie, puoi essere tentato di acquistare d’impulso capi di fast fashion per colmare le lacune nel tuo guardaroba, ma prova invece a considerare se hai davvero bisogno di fare questi acquisti. Molti marchi di abbigliamento sostenibile possono essere più costosi, quindi a volte il fast fashion può sembrare la scelta più semplice. Tuttavia, riutilizzare gli oggetti che già possiedi o acquistare di seconda mano può aiutare a ridurre lo spreco di abbigliamento.
Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Legge di Bilancio, confermata carta del docente

Next Article

Il Ministro Patrizio Bianchi a Parigi al Global Education Meeting 2021 dell'Unesco

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".