Stage con gli animali

Assalco ricerca, per la sede di Roma, uno stagista da inserire nelle aree Comunicazione e Sviluppo della società. L’acronimo Assalco sta per Associazione Nazionale tra le imprese per l’alimentazione e la cura degli animali da compagnia. Lo stagista affiancherà il segretario generale, e sarà coinvolto nella redazione dell'”Osservatorio Costi di Produzione Petfood”, nella redazione del “Rapporto Annuale sugli Animali da Compagnia”, nella stesura di altro materiale di comunicazione, nell’aggiornamento del sito, nella creazione di eventi, nella ricerca di nuovi associati e nella partecipazione a fiere di settore. I requisiti per entrare a far parte di Assalco sono una laurea specialistica, preferibilmente in scienze della comunicazione, ottime conoscenze nel campo informatico, buona lingua inglese sia parlata che scritta; completano il profilo capacità comunicative, predisposizione al lavoro di gruppo e ottime capacità di redigere testi. Lo stage avrà inizio in aprile 2008, avrà la durata di 6 mesi, e la società offre un rimborso spese di 500 euro. Per candidarsi allo stage occorre inviare un messaggio ad Assalco mediante il sito della società www.assalco.com.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In 15 da Procter&Gamble

Next Article

La priorità del prossimo Governo? Gli studenti: la lotta al precariato

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.