Stage in Canada: cercasi digital marketing a Vancouver

Vancouver in Canada

Greystone College ha attivato una campagna per la ricerca di uno stagista che sviluppi insieme al marketing team di Greystone College, un progetto di implementazione dei canali di online marketing (social media inclusi). Lo stage è in Canada, Vancouver, 20 ore a settimana non retribuito.
In cambio la scuola offre una borsa di studio del valore di circa 9.000 CAD per frequentare uno dei loro migliori corsi: Diplomain International Business Management
Oltre ai costi del corso, il Greystone College si occupa della sistemazione, offrendo una casa famiglia per 48 settimane, pasti inclusi, valore 11.088 CAD.
Inviare lettera di presentazione e cv a Maria Paula Murad: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 6 ottobre

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 7 ottobre

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.