Social Net Skills, giovani che aiutano i giovani

Amicizie, amori, litigi con i compagni, le prime feste, l’approccio alla sessualità e tantissime altre condizioni ed esperienze che riguardano l’adolescente, rendono questa fase della vita estremamente delicata.

Amicizie, amori, litigi con i compagni, le prime feste, l’approccio alla sessualità e tantissime altre condizioni ed esperienze che riguardano l’adolescente, rendono questa fase della vita estremamente delicata. I ragazzi si sentono spesso fragili ed insicuri, diventa quindi fondamentale trovare un sostegno psicologico. Stavolta, però, non saranno gli adulti a guidare i giovani ma altri giovani leggermente più grandi che hanno quindi già affrontato questo momento. E quale canale migliore dei social? Parte così in Toscana “Social Net Skills”, progetto interregionale finanziato dal Minstero della Salute con 400.000 euro.

Si tratta del primo servizio pubblico gratuito di sostegno psicologico basato su un social, per la Toscana sono coinvolte la Asl 12 di Viareggio e la Società della Salute di Firenze. Le altre regioni che partecipano al progetto sono Lombardia, Liguria, Puglia, Lazio, Umbria, Emilia-Romagna, Campania.

La parte nuova del progetto sta proprio nell’attivazione di percorsi di aiuto e counseling on line su Facebook, Google+, YouTube o Twitter. A chattare in qualità di guida per i più piccoli, ragazzi under 20 anni supportati naturalmente da psicologi ed esperti di comunicazione.

Martina Gaudino
[email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Adolescenti sedentari. Sos dei pediatri

Next Article

Adolescenti troppo social?

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".