Smart card in mensa

L’Adisu della SUN ha rinnovato il servizio di erogazione dei pasti, ora si utilizzerà la smart card

Per snellire il sistema organizzativo e agevolare gli studenti, l’Adisu della Seconda Università di Napoli ha rinnovato il servizio mensa nella modalità di erogazione dei pasti.
Dal 1 luglio, infatti, non si pagherà più il pasto presso il locale convenzionato ma attraverso la smart card ricaricabile direttamente al personale incaricato dall’Azienda per il diritto allo studio universitario. Per ricaricare la scheda basterà recarsi presso gli uffici in corso Giannone a Caserta e li decidere l’importo di ricarica. Sono tenuti a ricaricare la card anche coloro che beneficiano delle esenzioni. Il servizio è infatti gratuito per gli studenti risultati idonei ma non assegnatari di borsa di studio e per tutti gli purché non si tratti di fuori sede.
Il costo di ogni singolo pasto potrà variare tra i 2 e i 4,50 euro in base alla propria fascia di contribuzione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, l'esame orale

Next Article

Sin da piccoli in Accademia

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.