Sesso nel bagno dell’Università, il video finisce in rete

Schermata 2013-01-21 a 16.56.40

Il Safer Sex Ball dell’Università di Exeter per sensibilizzare gli studenti all’uso del preservativo e per raccogliere fondi a favore della prevenzione contro l’Aids è un appuntamento tra i più seguiti dell’anno.

L’edizione di quest’anno era stata preceduta dalle polemiche sulle presunte implicazioni razzisti del tema scelto per la serata, che invitava gli studenti a presentarsi vestiti “tribal”, ma quello che è successo durante il ballo lo scorso dicembre ha creato davvero scompiglio.

Due ragazzi si sono appartati in uno dei bagni dell’università e hanno fatto sesso (e come ironizza il Daily Mail, “speriamo solo che abbiano usato il preservativo).

Peccato che una telecamera di sicurezza abbia ripreso il tutto e il video sia stato poi lanciato su internet tramite WhatsApp.

In pochissimo tempo, i quattro minuti di video “rubato”, nel quale i volti dei due ragazzi coinvolti non sono stati pixellati, sono stati visti da migliaia di persone non solo all’interno dell’Università, mentre su The Tab, il tabloid universitario online di Exeter, viene lanciato un sondaggio per chiedere agli studenti se vogliono veder postato sul sito il video (per la cronaca: l’83 per cento ha votato per il sì).

Università e polizia assicurano che faranno approfondite indagini, per scoprire l’identità sia dei due studenti sia di chi ha trafugato il video.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un palloncino per risolvere i problemi di respirazione

Next Article

Palpeggiava studentesse sull'autobus che le portava a scuola

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".