Sessione invernale, a Torino aule studio aperte fino a mezzanotte

La sessione invernale è ormai alle porte. Tantissimi studenti saranno presto alle prese con maratone no-stop, o quasi, per giorni interi o addirittura settimane. Obiettivo di molti sarà restar svegli a studiare più possibile, arrivando a considerare il sonno come un utopistico lusso;  concesso solo quello indispensabile alla sopravvivenza. Ecco perché a Torino le aule studio saranno aperte anche la notte. La “student zone” di Torino, infatti, apre le porte fino a metà dicembre. La sperimentazione riprenderà poi nel periodo compreso tra gennaio e febbraio, dove le aule del “Murazzi student zone” saranno aperte sei giorni su sette (sabato escluso), oltre il normale orario diurno, anche dalle 19 a mezzanotte.
Dall’apertura del 10 maggio 2013, in breve tempo Murazzi Student Zone diventa punto di riferimento per studenti delle scuole superiori e dell’Università, ma anche luogo di lavoro per liberi professionisti, spazio per la lettura e per una pausa tranquilla. Con lo scopo di dare spazio alle idee, Murazzi Student Zone ha accolto dibattiti politici, presentazioni di libri, mostre fotografiche, corsi di lingue, feste private e molto altro.
Per la Città si tratta di un investimento notevole, che si aggiunge a quello realizzato lo scorso anno per garantire maggiori risorse al fondo rotativo Edisu per la residenzialità di studenti e studentesse» queste le parole di Marco Giusta, assessore alle Politiche Giovanili e Città Universitaria, dalle pagine de La Stampa online.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Pisa il primo dottorato di ricerca sul 4.0

Next Article

“Vi spiego come cambia l’esame di maturità” l'intervista del TPI al ministro Bussetti

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".