Scuole di specializzazione in medicina, pubblicato il bando: 6.718 i contratti disponibili

ROMA 17 APRILE 2012 MANIFESTAZIONE A MONTECITORIO DEI GIOVANI MEDICI SPECIALIZZANDI CONTRO LE TASSE SULLE BORSE DI STUDIO FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

Medicina, pubblicato il bando per l’accesso alle scuole di specializzazione 2016: più di 6.700 i contratti messi a disposizione, circa il 5% in più rispetto allo scorso anno.
Le prove si svolgeranno dal 19 al 22 luglio. I contratti a disposizione sono 6.718, di cui 6.133 messi a disposizione dallo Stato, i rimanenti da Regioni e altri EntiSi tratta di 355 contratti in più rispetto al 2015.
“Sulle Specializzazioni Mediche c’è stato un impegno costante da parte del nostro Governo per ridurre la forbice tra laureati e posti nelle scuole – spiega il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini – Due anni fa, quando ci siamo insediati, partivamo da una base di 3.300 contratti che siamo poi riusciti a portare a 5.000. Lo scorso anno partivamo da poco più di 4.000 contratti e, con uno sforzo importante di questa amministrazione, siamo riusciti a garantirne 6.000. Quest’anno, con la legge di Stabilità, abbiamo messo risorse per fare in modo che il numero di contratti statali d’ora in poi non possa essere inferiore a 6.000 all’anno”.
Le iscrizioni alle prove fino al 7 giugno
Al concorso possono partecipare tutti i laureati in Medicina e Chirurgia che abbiano conseguito il titolo prima del termine di scadenza per la presentazione della domanda di iscrizione. Ciascun candidato potrà iscriversi esclusivamente on line sul portale Universitaly (www.universitaly.it). La procedura sarà attivata martedì 24 maggio 2016 e si chiuderà inderogabilmente alle ore 15.00 di martedì 7 giugno 2016. Ogni candidato, all’atto di iscrizione, potrà scegliere un massimo di 3 Scuole (non più di 2 per Area: Medica – Chirurgica – dei Servizi clinici) e indicare l’ordine di preferenza delle sedi. La data di inizio delle attività didattiche è fissata in concomitanza con l’inizio dell’anno accademico per l’1 novembre 2016.
Il calendario delle prove:

Prova Data
Prima parte comune a tutte le tipologie di Scuola 19 luglio 2016 – inizio ore 12.00
Seconda parte – Scuole di AREA MEDICA 20 luglio 2016 – inizio ore 12.00
Seconda parte – Scuole di AREA CHIRURGICA 21 luglio 2016 – inizio ore 12.00
Seconda parte – Scuole di AREA DEI SERVIZI CLINICI 22 luglio 2016 – inizio ore 12.00

La prova d’esame consiste nella soluzione di 110 quesiti a risposta multipla: 70 comuni a tutti i candidati, 30 specifici per ciascuna Area, 10 specifici per tipologia di Scuola. I 70 quesiti comuni saranno riferiti ad argomenti caratterizzanti il corso di laurea in Medicina e Chirurgia e inerenti la formazione clinica del percorso di studi. Ogni risposta esatta vale 1 punto, ogni risposta non data 0 punti, ogni risposta errata -0,30. La valutazione dei 10 quesiti specifici per ciascuna Scuola ha un peso maggiore: 2 punti per ogni risposta esatta, 0 per ogni risposta non data e -0,60 per ogni risposta errata.
Per lo svolgimento delle prove di ammissione è assegnato un tempo di:
– 95minuti per i 70 quesiti della prima parte della prova;
– 48minuti per i 30 quesiti della seconda parte della prova comune per Area;
– 19minuti per i 10 quesiti della seconda parte della prova specifica per singola tipologia di Scuola.
I candidati avranno a disposizione computer privi di tastiera, non connessi a Internet, sui quali sarà possibile operare esclusivamente attraverso un mouse. L’elenco delle sedi di svolgimento della prova di ammissione sarà pubblicato entro mercoledì 29 giugno 2016 sul sito www.universitaly.it.
Le graduatorie saranno pubblicate giovedì 11 agosto 2016 sul sito riservato alle Specializzazioni a cui si accede da www.universitaly.it. L’ultimo scorrimento delle graduatorie quest’anno avverrà entro il 26 ottobre 2016.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Epso: bando per l'assunzione di 110 assistenti linguistici

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 23 maggio

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale