Scuole di specializzazione: i medici chiedono un concorso nazionale

Concorso

CONCORSO NAZIONALE  SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE – Una manifestazione on line per rendere più trasparente il concorso per le scuole di specializzazione in area medica. A promuoverla è il Comitato Pro riforma nazionale, che si è dato appuntamento oggi alle 15 su Facebook per cambiare il sistema e introdurre nuove modalità d’accesso alle scuole di specializzazione in medicina. Secondo molti specializzandi, infatti, il concorso lascia troppo spazio a decisioni poco meritocratiche e trasparenti, avvenendo in Italia per superamento di un concorso locale, bandito annualmente dai vari atenei dopo emanazione di specifico Decreto Ministeriale da parte del MIUR.

“Questa manifestazione on-line – spiega Valentina Graniti, coordinatrice del Comitato Pro riforma nazionale, è un mezzo per dimostrare a chi ci governa che non abbiamo intenzione di demordere sulla questione Concorso di specializzazione Nazionale”. “Sebbene non vogliamo mettere in discussioni le parole del Ministro Carrozza, e dei vari deputati che hanno supportato la nostra causa e che si sono dimostrati favorevole ad un cambiamento riguardo le modalità d accesso alle scuole di specializzazione in medicina, sentiamo l’esigenza di far sentire la nostra voce, che non si è spenta, ma solo abbassata per permettere al Ministro e collaboratori di procedere nel iter”, precisa. “Comprendiamo che un tale cambiamento è un processo lungo, che richiede lavoro e che probabilmente è fortemente contrastato”.

Tutti i partecipanti interessati ad appoggiare la manifestazione possono creare un account twitter, e a partire dalle ore 15, possono inviare un tweet scrivendo perché vogliono un concorso nazionale seguito dall’hastag #proconcorsonazionale# adesso e aggiungendo @MC_Carro per inviarlo al ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cervelli sempre più in fuga

Next Article

Liquidità per le aziende e prestiti a studenti

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"