Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di mercoledì 21 ottobre

Scuola, Università e Ricerca: ecco le notizie segnalate questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università
L’ITALIANO PIACE ED E’ IMPORTANTE PER L’ECONOMIA – Sul Tirreno il resoconto tenuto a Firenze sugli “stati generali della lingua” e sul suo insegnamento a livello internazionale
LA VITA DIFFICILE DEL BABY-TALENTO – Corsi di formazione in classe per sostenere gli alunni plusdotati. In Italia l’8 % degli studenti non riesce a farsi capire dagli insegnanti, nonostante capacità fuori dal comune
STUDENTI IN RIVOLTA: E’ QUESTA LA BUONA SCUOLA? All’istituto Ettore Majorana di Bari la protesta dell’Unione degli Studenti contro la gestione della scuola come un’azienda.
BISOGNA FERMARE LE GITE SCOLASTICHE – Valerio Vagnoli, preside di un istituto fiorentino, spiega sul Corriere di Firenze la sua posizione sulle gite scolastiche: “Dopo le tragedie di Milano le gite vanno fermate. Troppo pericolose”
NAPOLITANO: NO ALL’EUROPA DEI FILI SPINATI – All’Università Tor Vergata di Roma la laurea honoris causa per Giorgio Napolitano. Ecco il suo discorso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, online nuovo portale con i dati di bilancio degli atenei

Next Article

Dal 19 al 24 ottobre è la settimana della lingua italiana nel mondo

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.