Sciopero dei trasporti, rabbia e disagi tra i pendolari

sciopero trasporti Roma

“Caro Alemanno, ma questo ennesimo sciopero non si poteva evitare?”. Sale la rabbia su Twitter degli utenti costretti ai disagi dello sciopero di questa mattina proclamato dalle 8 e 30 alle 12 e 30. In effetti nella Capitale a circolare è solo la linea metro B, la metro A è ferma e i bus sono limitati.

Tanti, dunque, i disagi, e tanta la rabbia; a farne le spese, questa volta, sono proprio gli anziani. Nella linea metro B, infatti, sono bloccati gli ascensori e le scale mobili. “Ma una persona anziana o addirittura sulla sedia a rotelle, una volta uscita dal treno, come avrebbe potuto fare per salire?” scrive su Twitter @roberto84roma.

La linea metro A sarà completamente riattivata a partire dalle ore 14. Continueranno, invece, i disagi per tutti i pendolari della zona periferica di Roma.

I cittadini, comunque, sono oramai stanchi di queste forme di protesta. Ancora su Twitter scrive Gina Pavone “Ma quando ci metteremo a tavolino a inventare una forma più efficace del caro vecchio inutile sciopero? Eh, #atac ?”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Microsoft cerca un ingegnere: rivoluzioni in vista per windows

Next Article

"Mise le protesi per inseguire Reeva". Per i giudici Pistorius ha ucciso con premeditazione

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.