Sapienza, 567 borse di perfezionamento da 1.290 euro al mese per studiare all'estero

Opportunità di studio all’estero per laureati in diverse discipline: l’Università Sapienza di Roma ha pubblicato un bando per il conferimento di 567 mensilità di borse di studio del valore di 1.290 euro ciascuna per frequentare corsi o attività di perfezionamento presso istituzioni estere e internazionali di livello universitario, ubicate fuori dal territorio italiano per i partecipanti di cittadinanza italiana e fuori dal paese di origine per i partecipanti di cittadinanza comunitaria ed extra UE.
Il periodo di formazione dovrà avere durata minima di 6 mesi e massima di 12. Per ogni mese trascorso in formazione all’estero, i borsisti percepiranno un importo pari a 1.290 euro. Il Consiglio universitario nazionale ha individuato 14 aree disciplinari all’interno delle quali è possibile individuare un corso di formazione universitario da seguire all’estero.
Requisiti indispensabili per fare domanda di borsa sono: il possesso del diploma di laurea magistrale, magistrale a ciclo unico o equiparata con la classe di laurea, richiesta per l’area disciplinare corrispondente, conseguito presso la Sapienza Università di Roma entro l’ultima seduta utile dell’a.a. 2014/2015; età non superiore ai 29 anni (ovvero fino al compimento del ventinovesimo anno di età); conoscenza della lingua richiesta dall’istituzione di accoglienza; documentazione rilasciata dall’istituzione estera o dichiarazione di un docente dell’istituzione presso la quale il candidato intende recarsi, dalla quale si evinca l’avvenuta ammissione del candidato al corso di studi o all’attività di perfezionamento, ovvero la disponibilità ad ammetterlo; non aver già usufruito in precedenza di altre borse di studio per la frequenza di corsi di perfezionamento all’estero.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 16 maggio 2016. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito della Sapienza. A questo link potete scaricare il bando ufficiale per le borse di perfezionamento all’estero.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Indagine Istat: chi si laurea vive 5 anni più a lungo

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 27 aprile

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.