Salerno, due arresti all’università: iscrizioni false ed esami mai sostenuti in cambio di regali

Ai domiciliari due impiegati che falsificavano carriere, alcune delle quali concluse con la laurea.

Ai domiciliari due impiegati che entravano abusivamente nel sistema informatico. Sono 34 le carriere falsificate, alcune delle quali concluse con la laurea. Gli indagati sono 42

Iscrivevano a Medicina studenti che non avevano diritto perché non avevano passato i test d’ingresso. Li inserivano in fasce di reddito di favore, senza tenere conto delle loro condizioni economiche. E registravano anche degli esami mai sostenuti. In cambio si accontentavano di regali di varia natura, compresi dei fumetti da collezione. Sono finiti così ai domiciliari due dipendenti dell’università di Salerno, accusati dalla Procura dopo le indagini della Guardia di Finanza di aver falsificato almeno 34 carriere universitarie, molte delle quali concluse con la laurea. In tutto gli indagati sono 42 tra studenti e familiari.

Ad aver effettuato l’iscrizione – secondo quanto emerso dalle indagini – sarebbe stato Carmine Leo, 56 anni, colui che secondo la Finanza è entrato abusivamente nel sistema informatico. L’impiegato avrebbe più volte utilizzato le proprie credenziali anche per attestare esami universitari mai sostenuti. Ma secondo i finanzieri è stato determinante il ruolo di un secondo impiegato, Carmine Cioffi, 53 anni, che indirizzava al collega gli studenti universitari che chiedevano di essere “aiutati”. Sempre Leo avrebbe anche ulteriormente facilitato la vita agli studenti posizionandoli in fasce di reddito più agevoli per far pagare loro meno tasse. Le accuse sono di accesso abusivo al sistema informatico e frode informatica.

ilfattoquotidiano

Leggi anche:

Cristina Messa: “Vacciniamo i docenti. Le università devono riaprire”

In Italia solo il 16,5% della popolazione universitaria femminile è iscritta alle cosiddette STEM

Università di Milano-Bicocca, la biblioteca a casa degli studenti

Il Ceo di Enel Italia nominato membro esterno del Consiglio di Amministrazione della Sapienza

https://corriereuniv.it/2021/04/pepper-il-robot-personal-trainer-nato-dallingegno-del-politecnico/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

730, spese detraibili solo se tracciabili: dalla palestra all’università, dall’asilo alla badante

Next Article

Scuola, Giannelli: Oltre 80% del personale scolastico è stato vaccinato

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.